Il generale Francesco Paolo Figliuolo (Ansa)
Il generale Francesco Paolo Figliuolo (Ansa)

Roma, 13 marzo 2021 - Ben 500mila somministrazioni di vaccini anti Covid al giorno in modo da riuscire a vaccinare entro il mese di settembre l'80% della popolazione italiana. E' questo l'obiettivo del piano Figliuolo. Il documento per l'esecuzione della campagna vaccinale in Italia presentato dal generale Francesco Paolo Figliuolo, Commissario straordinario per l'emergenza Covid-19, poggia su due pilastri: la distribuzione efficace e puntuale dei vaccini e l'incremento delle somministrazioni giornaliere. Elaborato in armonia con il piano strategico nazionale del ministero della Salute, il piano del generale fissa le linee operative per completare al più presto la campagna vaccinale. La governance sarà accentrata a fronte di una esecuzione decentrata, con una catena di controllo snella.

Coronavirus: il bollettino del 13 marzo

Vaccino Johnson & Johnson: come funziona

La svolta Draghi: vaccino prodotto in Italia

Secondo quanto riferito, il piano di Figliuolo punta ad aumentare il ritmo delle vaccinazioni, in modo che si possa raggiungere a regime il numero di 500 mila somministrazioni al giorno su base nazionale, triplicando così il numero giornaliero medio di vaccinazioni delle scorse settimane, pari a circa 170 mila. Figliuolo auspica di poterlo raggiungere anche prima della fine dell'estate. Sarà ampliata la platea dei vaccinatori, dando impulso all'accordo per impiegare i medici di medicina generale (fino a 44 mila), ricorrendo agli odontoiatri (fino a 60 mila), impiegando i medici specializzandi, a seguito dell'accordo raggiunto tra governo, regioni e associazioni di categoria (fino a 23 mila).

Il piano Figliuolo prevede anche il raddoppio dell'approvvigionamento delle dosi, da 7,9 milioni al doppio "entro le prossime tre settimane. Entro la fine di giugno è previsto l'arrivo di altre 52 milioni di dosi circa, mentre ulteriori 84 milioni sono previsti prima dell'autunno".  "Ci sarà un monitoraggio costante dei fabbisogni con interventi mirati, selettivi e puntiformi sulla base degli scostamenti dalla pianificazione - si legge nel piano, diffuso oggi -. Ci sarà una capillarizzazione della somministrazione, incrementando la platea dei vaccinatori e il numero di punti vaccinali".

Piano Figliuolo: l'accordo con il Coni

Vaccinazioni anche attraverso i medici dello sport nei loro ambulatori. La proposta, fatta dal Coni al commissario per l'emergenza Covid Figiuolo, è contenuta nella bozza di accordo fatta arrivare al governo. Tra le strutture offerte, ci sarebbe anche l'Istituto di medicina e scienza dello sport a Roma e altri centri più piccoli. Nelle scorse settimane scorse il presidente di sport e salute Vito Cozzoli aveva messo a disposizione di Figliuolo lo stadio Olimpico e gli asset della società.