Lunedì 20 Maggio 2024

25 Aprile, Mattarella in Toscana: “Senza memoria non c’è futuro”

Le parole del presidente della Repubblica pronunciate a Civitella Val di Chiana (Arezzo) dove il 29 giugno del 1944 furono trucidati 244 civili dai nazisti

Civitella Val di Chiana (Arezzo), 25 aprile 2024 – "Sono venuto, oggi, qui a Civitella, uno dei luoghi simbolo della barbarie nazifascista per fare memoria di tutte le vittime dei crimini di guerra, trucidate, in quel 1944, sul territorio nazionale e all'estero. Non c'è parte del suolo italiano, con la sola eccezione della Sardegna, che non abbia patito la violenza nazifascista contro i civili e non abbia pianto sulle spoglie dei propri concittadini brutalmente uccisi”. Queste le parole del presidente della Repubblica Sergio Mattarella arrivato questa mattina a Civitella Val di Chiana dove, il 29 giugno del 1944 furono massacrate dai nazisti 244 persone. Proprio nella piazza, intitolata a don Alcide Lazzeri che offrì la sua vita nella speranza, vana, di salvare la popolazione, furono giustiziati a gruppi di cinque gli uomini del paese, con un colpo alla nuca.

Le testimonianze: “Qui a Civitella nessuno tradì” / “Uccisero i miei genitori, non dimentico ma ho perdonato”

Mattarella, nel suo discorso pronunciato all’interno della tensostruttura allestita nel paese dell’Aretino per la commemorazione delle vittime, ha ricordato che “si trattò di gravissimi crimini di guerra, contrari a qualunque regola internazionale e all'onore militare e, ancor di più, ai principi di umanità. Nessuna ragione, militare o di qualunque altro genere, può infatti essere invocata per giustificare l'uccisione di ostaggi e di prigionieri inermi. I nazifascisti ne erano ben consapevoli”. Il presidente della Repubblica ha ricordato che “all'infamia della strage di Marzabotto, la più grande compiuta in Italia, seguì un corollario altrettanto indegno: la propaganda fascista, sui giornali sottoposti a controlli e censure, negava l'innegabile, provando a smentire l'accaduto, cercando di definire false le notizie dell'eccidio e irridendo i testimoni. Occorre, oggi e in futuro, far memoria di quelle stragi e di quelle vittime e sono preziose le iniziative nazionali e regionali che la sorreggono. Senza memoria, non c'è futuro”.

"A differenza dei loro nemici, imbevuti del culto macabro della morte e della guerra, i patrioti della Resistenza fecero uso delle armi perché un giorno queste tacessero e il mondo fosse finalmente contrassegnato dalla pace, dalla libertà, dalla giustizia. Oggi, in un tempo di grande preoccupazione, segnato, in Europa e ai suoi confini, da aggressioni, guerre e violenze, confidiamo in quella speranza. E per questo va ribadito: viva la Liberazione, viva la libertà, viva la Repubblica", ha detto il presidente della Repubblica.

Mattarella ha ricordato che "la magistratura militare e gli storici, dopo un difficile lavoro di ricerca durato decenni, hanno finora documentato sul territorio italiano 5mila crudeli e infami episodi di eccidi, rappresaglie, esecuzioni sommarie. Con queste barbare uccisioni, nella loro strategia di morte, i nazifascisti cercavano di fare terra bruciata attorno ai partigiani per proteggere la ritirata tedesca: cercavano di instaurare un regime di terrore nei confronti dei civili perché non si unissero ai partigiani, cercavano di operare vendette nei confronti di un popolo considerato inferiore da alleato e, dopo l'armistizio, traditore". Per il capo dello Stato "si trattò di gravissimi crimini di guerra, contrari a qualunque regola internazionale e all'onore militare e, ancor di più, ai principi di umanità. Nessuna ragione, militare o di qualunque altro genere, può infatti essere invocata per giustificare l'uccisione di ostaggi e di prigionieri inermi. I nazifascisti ne erano ben consapevoli: i corpi dei partigiani combattenti, catturati, torturati e giustiziati, dovevano rimanere esposti per giorni, come sinistro monito per la popolazione. Ma le stragi di civili cercavano di tenerle nascoste e occultate, le vittime sepolte o bruciate. Non si sa se per un senso intimo di vergogna e disonore o per evitare d'incorrere nei rigori di una futura giustizia, oppure, ancora, per non destare ulteriori sentimenti di rivolta tra gli italiani".

Il racconto della mattinata con il presidente della Repubblica

Mattarella ha osservato che "vi fu la Resistenza delle popolazioni, ribellatesi spontaneamente di fronte a episodi di brutalità e alle violenze, scrivendo pagine di splendido eroismo civile. Vi furono le coraggiose lotte operaie, culminate nei grandi scioperi nelle industrie delle città settentrionali. In tutta la Penisola, nelle montagne e nelle zone di mare, si attivò spontaneamente, in quegli anni drammatici, la rete clandestina della solidarietà, del risveglio delle coscienze e dell'umanità ritrovata". "Migliaia di uomini, di donne, di religiosi, di funzionari dello Stato, operai, borghesi, rischiando la propria vita e quella dei loro familiari, si opposero alla dittatura e alle violenze sistematiche, nascondendo soldati alleati, sostenendo la lotta partigiana, falsificando documenti per salvare gli ebrei dalla deportazione, stampando e diffondendo volantini di propaganda. Fu la Resistenza civile, la Resistenza senza armi, un movimento largo e diffuso, che vide anche la rinascita del protagonismo delle donne, sottratte finalmente al ruolo subalterno cui le destinava l'ideologia fascista" ha concluso Mattarella.

Intorno all'antifascismo "è possibile e doverosa l'unità popolare" e questo non significa affatto "compromettere" il "pluralismo sociale e politico" né la "libera e mutevole articolazione delle maggioranze e delle minoranze nel gioco democratico". Usa le parole pronunciate da Aldo Moro nel 1975 il presidente della Repubblica Sergio Mattarella per ricordare, nel giorno della Liberazione, che l'antifascismo è alla base della nascita dell'Italia democratica e che dalla Resistenza nacque il "riscatto morale" del Paese. La dittatura fascista aveva mostrato - non all'ultimo, ma da "tempo" - il suo volto "svelando i suoi veri tratti brutali e disumani come ci ricorda il prossimo centenario dell'assassinio di Giacomo Matteotti".

"Una lunga scia di sangue ha accompagnato il cammino dell'Italia verso la Liberazione" ha ricordato Mattarella sottolineando che non fu solo liberazione "dall'occupante nazista" e da una "terribile guerra" "ma anche da una dittatura spietata" che aveva soffocato i diritti civili e politici. E quindi il 25 aprile per l'Italia è "una ricorrenza fondante, la festa della pace, della libertà ritrovata e del ritorno nel novero delle nazioni democratiche. In un tempo di grande preoccupazione – osserva Mattarella –  vive la speranza di un mondo in pace”.