Le Faq del governo per le seconde case
Le Faq del governo per le seconde case

Roma, 3 aprile 2021 - Pasqua blindata in zona rossa per tre giorni - da oggi sabato 3 a lunedì 5 aprile - ma qualche movimento è comunque possibile. Per principio generale sono vietati gli spostamenti fuori regione, ma resta confermata anche per questi giorni di Pasqua la possibilità di andare nelle seconde case, anche fuori regione e anche in zona rossa. La Faq del governo è esplicita: "Il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione, compreso il rientro nelle 'seconde case' ubicate dentro e fuori regione". Dovremo però avere con noi l'autocertificazione (qui il modello Pdf scaricabile) e stare attenti alle ordinanze locali che abbiano invece viateto espressamente tale possibilità. Ecco allora la nostra guida per capire quali sono i limiti che dobbiamo rispettare e dove si potrà (e soprattutto non) si potrà andare.

Bollettino Covid del 3 aprile

I colori aggiornati delle regioni

Solo il nucleo familiare

Può spostarsi solo il nucelo familiare: "La casa di destinazione non deve essere abitata da persone non appartenenti al nucleo familiare convivente con l’avente titolo, e vi si può recare unicamente tale nucleo".

Vaccini: tutto quello che c'è da sapere. Domande e risposte

Titolo prima del 14 gennaio

Inoltre è previsto che sia possibile "solo a coloro che possano comprovare di avere effettivamente avuto titolo per recarsi nello stesso immobile anteriormente all’entrata in vigore del Decreto-legge 14 gennaio 2021, n. 2. Tale titolo, per ovvie esigenze antielusive, deve avere data certa (come, per esempio, la data di un atto stipulato dal notaio, ovvero la data di registrazione di una scrittura privata) anteriore al 14 gennaio 2021. Questo significa che sono ovviamente esclusi gli affitti brevi tipo affittarsi la casa in montagna per una settimana). E nemmeno potremo andare se l'abbiamo acquistata dopo il 14 gennaio.

Supermercati e negozi aperti a Pasqua: ecco dove

I requisiti

La Faq del governo prevede: "La sussistenza di tutti i requisiti indicati potrà essere comprovata con copia del titolo di godimento avente data certa (art. 2704 del codice civile) o, eventualmente, anche con autocertificazione. La veridicità delle autocertificazioni sarà oggetto di controlli successivi e la falsità di quanto dichiarato costituisce reato".

Dove non si può andare

Preoccupati dell'andamento del contagio (qui i dati aggiornati dell'indice Rt) molti governatori hanno escluso la possibilità da raggiungere le seconde case nel loro territorio. Vediamo quindi di far chiarezza con una mappa.

Alcune regioni hanno negato l'accesso sul territorio ai non residenti. Sono Piemonte, Sardegna, Marche, Valle d’Aosta, Alto Adige, Toscana, e Calabria. Ancora più rigide le ordinanze di Campania, Puglia e Liguria che vietano le seocnde case anche ai redidenti. La Sicilia ha scelto di lasciare libertà, ma per entrare sull'isola bisogna presentare l'esito negativo del test.