Mercoledì 17 Luglio 2024

Revocati i domiciliari al braccio destro di Toti. Il gip: "Si è dimesso"

L'ex capo di gabinetto della Regione Liguria, Matteo Cozzani, ha ottenuto la revoca degli arresti domiciliari grazie alle dimissioni. È accusato di corruzione elettorale e semplice. La decisione è attesa dallo staff di Toti.

Revocati i domiciliari al braccio destro di Toti. Il gip: "Si è dimesso"

Revocati i domiciliari al braccio destro di Toti. Il gip: "Si è dimesso"

Si era dimesso da capo di gabinetto della Regione Liguria, Matteo Cozzani, il 29 maggio e questa mossa gli ha consentito ieri di ottenere la revoca degli arresti domiciliari. L’ex braccio destro di Giovanni Toti ha ottenuto dalla gip Paola Faggioni l’obbligo di dimora a Genova col divieto di uscire la sera e la notte. La giudice ha accolto l’istanza presentata dall’avvocato di Matteo Cozzani, Massimo Ceresa Gastaldo, revocando la misura cautelare degli arresti domiciliari dove si trovava dal 7 maggio nell’ambito dell’inchiesta sulla corruzione. Cozzani è accusato dai pm genovesi di corruzione elettorale con l’aggravante di aver agevolato la criminalità organizzata per il presunto voto di scambio con i ‘riesini’ ai quali avrebbe promesso posti di lavoro in cambio di voti ad alcuni candidati della lista Toti, e di corruzione semplice per la vicenda legata a Esselunga. La decisione della gip viene esaminata anche dallo staff di Toti che al momento non ha alcuna intenzione di dimettersi e attende che sul possibile ritorno in libertà si esprima il Riesame.