Incidente all'alba sulla strada statale 121, Paternò-Catania (Ansa)
Incidente all'alba sulla strada statale 121, Paternò-Catania (Ansa)

Belpasso (Catania), 13 ottobre 2019 - Tragedia vicino a Catania, quattro giovani, di cui due minorenni, sono morti in un incidente stradale. Lo schianto all'alba contro un guard rail della strada statale 121, Paternò-Catania, nello svincolo per Belpasso

La Seat Leon, guidata da un 40enne, è finita contro le protezioni della rampa e si è spezzata in due. I corpi senza vita dei ragazzi sono stati estratti dai vigili del fuoco intervenuti sul posto. I carabinieri hanno effettuato i rilievi del caso.

Il conducente è stato ricoverato all'ospedale Cannizzaro di Catania: è in prognosi riservata, anche se in un primo momento si è parlato di una frattura di una caviglia, contusioni ed escoriazioni varie. Sarà sottoposto ai test su alcol e droghe.

Le vittime del terribile incidente sono la convivente dell'uomo, Lucrezia Diolosà Farinato, di 28 anni, Salvatore Moschitta di 20, e un ragazzo di 17 anni, M. P., e una ragazzina di 15, E. G. B. Tutti e cinque erano di ritorno, verso le 5 del mattino, dalla discoteca Banacher di Aci Castello. Gli investigatori, secondo una prima ricostruzione, ritengono che il 40enne abbia perso il controllo del veicolo per l'alta velocità, schiantandosi poi contro contro il guard rail. Sul posto anche i medici del 118.

Weekend nero sulle strade

Ma quello di Catania non è stato l'unico incidente mortale del sabato sera: almeno altri due giovani hanno perso la vita a Roma e a Genova. All'alba nella Capitale un 22enne ha perso il controllo di una Smart ed è morto sul colpo. E' successo in via Casilina 1797, in zona Borghesiana. 
Nelle stesse ore un 51enne si è ribaltato con l'automobile in un campo a ridosso della provinciale che collega la cittadina di San Pietro in Cerro alla frazione di San Predetto, in provincia di Piacenza. Anche in questo caso all'arrivo dell'ambulanza non c'era più niente da fare.  

Ancora: a Genova un 25enne è morto in sella al suo scooter dopo essere finito contro una volante della polizia. Secondo la ricostruzione della questura, al vaglio degli investigatori, i poliziotti si stavano recando sul luogo di un intervento a sirene e lampeggianti spiegati. La vettura del 113, arrivata al semaforo rosso all'incrocio di via Minghetti, ha rallentato, accertandosi che dalla strada perpendicolare non arrivasse alcun veicolo ma, all'improvviso, all'altezza di via Doufour, si è schiantata con un motorino. Il due ruote, stando ai primi rilievi, viaggiava ad alta velocità e ha impattato con la parte anteriore della volante. I due agenti sono illesi. 

E alle 4,30 di sabato un altro incidenteo ha coinvolto un appartenente alle forze dell'ordine: un carabiniere della Forestale di 34 anni, poi risultato positivo all'alcoltest, ha imboccato contromano la statale 613 Lecce-Brindisi e, dopo diversi chilometri, si è scontrato frontalmente con una macchina. L'uomo alla guida, di 59 anni, è morto.