Giovedì 13 Giugno 2024
ALESSANDRO FARRUGGIA
Cronaca

I Cpr, dove e quanti saranno? Obiettivo: almeno uno in ogni regione. Ecco come funzioneranno

Il piano del governo per i nuovi Centri di rimpatrio: oggi ne sono attivi 9, diventeranno 23. Dentro solo chi deve essere espulso. La Toscana: "Non daremo mai l’ok"

Roma, 20 settembre 2023 – Strutture che servono per garantire l’espulsione dei non aventi diritto oppure prigioni nelle quali, con la detenzione e la privazione dei diritti, si fa pressione sui migranti per spingerli ad accettare il provvedimento di espulsione che li riguarda? I Cpr sono un ibrido che divide. Come osserva il presidente emerito della Corte Costituzionale Cesare Mirabelli "se le condizioni sono detentive invece che di accoglienza, potrebbero violare i diritti della persona riconosciuti dalla Costituzione". Il discrimine è molto sottile.

Malumori deel Regioni per i Cpr
Malumori deel Regioni per i Cpr

Il Viminale: chi va nei cpr

"Nei Cpr – spiegano al Viminale – sono trattenuti i cittadini stranieri destinatari di un provvedimento di espulsione o di respingimento, quando non è possibile eseguirne con immediatezza il rimpatrio a causa di situazioni transitorie. Nei Cpr possono essere inoltre trattenuti anche i migranti richiedenti asilo, ad esempio quando costituiscono un pericolo per l’ordine e la sicurezza pubblica, quando risultino condannati, anche con sentenza non definitiva, per gravi reati o percolo di fuga". Il Cdm ha deliberato di estendere a 18 mesi (6 mesi iniziali, seguiti da proroghe trimestrali) il limite massimo di permanenza nei Cpr degli stranieri non richiedenti asilo. Per i richiedenti asilo il limite è 12 mesi.

Dentro chi commette reati

"Nei Cpr – si sostiene al ministero dell’Interno – non vengono trattenuti coloro che hanno commesso semplici violazioni amministrative. Il trattenimento è disposto, con priorità, nei confronti degli stranieri considerati una minaccia per l’ordine e la sicurezza pubblica; condannati, anche con sentenza non definitiva, per gravi reati. Il trattenimento è disposto con provvedimento del questore trasmesso, entro 48 ore, al giudice di pace territorialmente competente per la convalida. Anche l’eventuale proroga è soggetta a convalida. Le forze dell’ordine presidiano lo spazio esterno delle strutture e possono entrare nelle zone dove vivono i migranti solo su richiesta degli enti gestori in casi eccezionali". Chi si trova dentro un Cpr non può uscirne liberamente.

Quanti sono e quanti saranno

"Attualmente – osservano al Viminale – sono attivi dieci Cpr, in otto regioni, con una capienza teorica di 1.338 posti, di cui 619 sono effettivamente utilizzabili: la rimanente parte non è disponibile soprattutto in ragione dei danneggiamenti". Tra gli obittivi c’è anche ristrutturare le struttre esistenti per recuperare tutti i posti. In realtà i centri attivi sono nove e non dieci: quello di Torino è chiuso perché inutilizzabile. Al momento, sono solo otto le regioni – compreso il Piemonte – che hanno un Cpr, alcune (Puglia e Sicilia) due. All’appello ne mancano 12: Veneto, Campania, Emilia-Romagna, Toscana, Calabria, Liguria, Marche, Abruzzo, Trentino-Alto Adige, Umbria, Molise e Val d’Aosta. Qui dovrebbero sorgere i Cpr, con un raddoppio per la Lombardia. Totale 22, massimo, 23. Sarebbero costruiti "in zone scarsamente popolate e facilmente sorvegliabili", probabilmente in ex caserme, carceri, aeroporti dismessi.

Approfondisci:

Lampedusa, migrante partorisce sul barchino, ma il neonato muore. Polemica sulla tendopoli

Lampedusa, migrante partorisce sul barchino, ma il neonato muore. Polemica sulla tendopoli

Enti locali contro, toscana in primis

La Toscana si schiera contro la costruzione di un Cpr. "Non darò – annuncia il governatore Giani – l’ok a nessun Cpr in Toscana. Si stanno prendendo in giro gli italiani perché il problema dell’immigrazione, è come farli entrare e accoglierli, non come buttarli fuori". E anche la città di Pescia (Pistoia) – si parlava di un Cpr nell’ex carcere di Veneri – è nettamente contraria. "L’ipotesi di realizzare qui un Cpr – afferma il sindaco Riccardo Franchi – ci trova in totale disaccordo e che ci vedrà impegnati su tutti i fronti possibili di opposizione a questi lager autorizzati". Ok invece dall’Alto Adige ma solo per una struttura molto piccola. "Il ministro – ha detto il governatore Arno Kompatscher – mi ha ribadito che il Cpr servirà solo per le esigenze locali e non ci saranno trasferimenti da altre regioni. Il Centro avrà una capienza di circa 50 posti". Cauto il delegato Anci per l’immigrazione, il sindaco di Prato Matteo Biffoni: "Sui Cpr attendiamo le proposte del governo per fare poi le nostre valutazioni. Ma il tema dei migranti non si risolve con i Centri per il rimpatrio".

Approfondisci:

Migranti, Giani: “Non darò l'ok a nessun Cpr in Toscana”

Migranti, Giani: “Non darò l'ok a nessun Cpr in Toscana”