Turismo, via ai corridoi Covid-free per Paesi extra Ue (Ansa)
Turismo, via ai corridoi Covid-free per Paesi extra Ue (Ansa)

Roma, 28 settembre 2021 - Corridoi Covid-free per mete turistiche extra Ue, in cui non è richiesto l'isolamento fiduciario al rientro in Italia. Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato un'ordinanza in merito, ma in via sperimentale e con precisi protocolli di sicurezza.

Bollettino Covid del 29 settembre: dati dalle regioni

Tra i vantaggi di questi corridoi turistici c'è la possibilità di non fare quarantena al rientro, ma resta l'obbligo di effettuare un tampone molecolare, o antigenico, in partenza dall'Italia, come di ritorno sul territorio nazionale. Se il tempo trascorso nel Paese estero è superiore a 7 giorni è necessario un test nel periodo di soggiorno. 

Le mete turistiche con corridoi Covid-free sono: Aruba, Maldive, Mauritius, Seychelles, Repubblica Dominicana ed Egitto, ma solo le zone turistiche di Sharm El Sheikh e Marsa Alam. 

Nel dettaglio all'articolo 2 dell'ordinanza si legge "sono autorizzati allo spostamento, per motivi di turismo, verso le mete indicate esclusivamente i soggetti muniti di una delle certificazioni verdi Covid-19 o di certificazioni equivalenti secondo la normativa vigente". Inoltre chi è in partenza dall'Italia è tenuto "a presentare al vettore, all'atto dell'imbarco, e a chiunque deputato ad effettuare i controlli, la certificazione di essersi sottoposti nelle quarantott'ore antecedenti alla partenza a un test molecolare o antigenico, effettuato per mezzo di tampone con risultato negativo, nonché a sottoporsi, se la permanenza presso lo Stato estero è pari o superiore a sette giorni, a ulteriore test molecolare o antigenico da effettuarsi nel corso del periodo di soggiorno".  

E i viaggiatori di rientro sono esentati "dal rispetto degli obblighi di sorveglianza sanitaria e di isolamento fiduciario laddove abbiano presentato, all'atto dell'imbarco, e a chi è deputato ai controlli la certificazione attestante l'esito negativo di un test molecolare o antigenico all'arrivo effettuato nelle quarantott'ore antecedenti all'imbarco e si sottopongano all'arrivo all'aeroporto nazionale un ulteriore test molecolare o antigenico", si legge nell'ordinanza.

Inoltre nell'ordinanza all'articolo 3 è previsto che gli operatori turistici "sono tenuti ad assicurare il rispetto delle misure di sicurezza", indicate in un documento dell'ordinanza. Il ministero della Salute istituirà un tavolo tecnico per il monitoraggio "dell'effettiva applicazione delle misure previste" nell'ordinanza che entrerà in vigore dal giorno della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, e non oltre il 31 gennaio 2022.