Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
1 ott 2021

"C’è stato un furto". Così scattò il blitz da Morisi

La telefonata dell’escort rumeno al 112. Salvini si scaglia contro la sinistra: "Guardonismo". La Cei: "Basta attacchi personali"

1 ott 2021
elena g. polidori
Cronaca
LUCA MORISI RESPONSABILE DELLA COMUNICAZIONE SOCIAL DI MATTEO SALVINI
Luca Morisi, ex responsabile della comunicazione social di Salvini (ImagoE)
LUCA MORISI RESPONSABILE DELLA COMUNICAZIONE SOCIAL DI MATTEO SALVINI
Luca Morisi, ex responsabile della comunicazione social di Salvini (ImagoE)

Matteo Salvini non teme per la sua leasdership. L’inchiesta su Luca Morisi, sui festini tutto sesso e droga a casa dell’animatore principale della propaganda leghista, la "Bestia", sembra non scalfire la sicurezza del leader del Carroccio: "Se pensano di intimorirmi si sbagliano di grosso e i congressi della Lega li faremo ad aprile, se sarà finita l’emergenza, è stato fatto tutto per attaccare me, conigli!!". Poi, però, il nervosismo trapela dalle dichiarazioni, forse perché i contorni dell’inchiesta su Morisi sono ancora nebulosi, anche se ieri si sono aggiunti dettagli che tuttavia non hanno cotribuito a chiarire il quadro. Il rumeno che l’altro giorno ha raccontato la serata ferragostana del festino, Petre R., aveva chiamato i carabinieri urlando al telefono "ci hanno fatto un furto, ci hanno fatto un furto!", cosa che aveva fatto accorrere i carabinieri che in casa di Morisi avevano trovato due grammi di cocaina e una boccetta di liquido che, a detta di uno dei due, era Ghb, la droga dello stupro. Due sono le telefonate fatte al 112 dalle quali emerge però che il giovane non dice di sentirsi male ma, appunto, di aver subito un furto. Probabilmente perché, è lui stesso a raccontarlo, Morisi non avrebbe pagato il compenso pattuito: "Il patto è che voleva usare droga perché voleva divertirsi, per queste cose si paga" ma quei soldi non sono mai arrivati perché "la carta era bloccata o qualcosa del genere, c’era qualcosa che non andava". Il dato di fatto è che quando i carabinieri sono arrivati – nessun controllo di routine, dunque – hanno trovato in strada i due ragazzi e l’ex social manager leghista. La droga è stata trovata durante una perquisizione dello zaino del ventenne escort rumeno, ma lui insiste nel dire che la droga "viene dalla casa di Morisi, quella roba ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?