Quotidiano Nazionale logo
Editoriale

Ecco i numeri che chiudono la discussione

michele brambilla
epa09612251 A health worker holds a vial of the Pfizer- BioNTech Comirnaty Covid-19 vaccine at a vaccination clinic in Colombo, Sri Lanka, 30 November 2021. Sri Lanka is currently using Pfizer-BioNTech, Oxford AstraZeneca, China's Sinopharm, Russian Sputnik V, and Moderna Covid -19 vaccines for the Vaccine rollout. The Sri Lankan government on 27 November imposed a travel ban on travelers from six southern African nations due to a new variant of the Covid-19 named Omicron.  EPA/CHAMILA KARUNARATHNE
Covid, vaccino (Ansa)

Siamo tutti contagiati, ma qualcosa è cambiato (in meglio) rispetto a un anno fa: ed è un qualcosa che deve indurre il governo a modificare la politica sui vaccini. Spiegheremo il perché con i numeri, ma anticipiamo subito quello che a nostro avviso il governo deve fare: introdurre l’obbligo vaccinale, almeno da una certà età in su. Siamo tutti contagiati, ma ricoverati e morti sono molti, molti meno di un anno fa. Il 24 dicembre 2020 il bollettino registrava 18mila nuovi casi, il 24 dicembre 2021 più del doppio: 50.599. Eppure il 24 dicembre 2020 i morti erano 505, quest’anno 141: meno di un terzo. I ricoverati erano 24.070, quest’anno 8.812: poco più di un terzo. Come mai?

Forse perché la variante Omicron è meno letale della Delta? In parte sì: ma solo in parte, e probabilmente in minima parte, visto che la maggior parte dei contagiati di oggi (stando ai dati disponibili) è ancora colpita dalla Delta.

L’effetto dei vaccini è ormai fuori discussione. Il professor Abrignani del Cts ha detto in un’intervista che l’80 per cento dei ricoverati non ha fatto il vaccino. Quanto ai decessi, dal 22 ottobre al 21 novembre (dati Iss) sono stati 1.755: di questi, il 58,9 per cento aveva ricevuto almeno una dose di vaccino e il 41,1 per cento non era vaccinato. Questa è la percentuale sbandierata dai No vax per “dimostrare“ che muoiono di più i vaccinati. Follia e menzogna pura, e oltraggio alla matematica, scienza esatta. Bisogna infatti tener conto che la stragrande maggioranza degli italiani è vaccinata, quindi è ovvio che siano di più i vaccinati che muoiono. Se si arrivasse ad avere il 100 per cento di vaccinati, è chiaro che anche il 100 per cento dei morti sarebbe vaccinato. Le percentuali da tenere in conto sono altre: sono quelle dell’incidenza sulla popolazione. E quindi: dal 22 ottobre al 21 novembre, tra i non vaccinati ci sono stati 19,9 morti ogni centomila persone; tra i vaccinati con due dosi 2,8 morti su centomila persone; tra i vaccinati con tre dosi 1,4 morti ogni centomila persone. Sempre dalla statistiche dell’Iss emerge che per una persona non vaccinata il rischio di morte è 7,1 volte superiore rispetto a chi è vaccinato da oltre 150 giorni; 10,5 volte superiore a chi è vaccinato da meno di 150 giorni; 14,2 volte superiore a chi è vaccinato con tre dosi.

© Riproduzione riservata

michele brambilla