Termas de Río Hondo (Argentina), 8 aprile 2018 - Cal Crutchlow, LRC Honda, vince il Gp di Argentina 2018 della MotoGp, seconda tappa stagionale del Motomondiale. Secondo posto per il francese Johann Zarco su Yamaha Monster Tech 3, staccato di 0.251. Terzo lo spagnolo Alex Rins su Suzuki. Quarto Jack Miller, che era partito dalla pole. Quinto Marc Marquez su Honda. Lo spagnolo è stato penalizzato di 30" per il sorpasso azzardato su Valentino Rossi, e alla fine è 18esimo. La mossa del pilota della Honda ufficiale è costata la gara al Dottore, scivolato al 19esimo posto. Sesto, quindi, Andrea Dovizioso su Ducati. 

Marc Marquez nella versione peggiore sul circuito sudamericano: dopo essere stato penalizzato dalla direzione gara per varie manovre a rischio, a quattro giri dalla fine, su pista bagnata, sperona anche la Yamaha di Valentino Rossi, che finisce sull'erba e poi a terra. Il Dottore ha inveito platealmente a braccia alzate contro lo spagnolo. Più tardi ai box il campione del mondo voleva scusarsi con Vale, ma è stato mandato via da Uccio. (FOTO: LA SEQUENZA)

Marquez si è presentato per chiarire con Rossi l'incidente. Era  accompagnato dal padre e dal manager Emilio Alzamora, ma è stato respinto dal clan dell'italiano. Alessio Salucci (Uccio) gli ha intimato "Non venire qui!". Allo spagnolo non è restato che girare le spalle e andarsene. L'incidente tra i due riaccenderà la rivalità già esplosa nel 2015 nel famoso GP della Malesia, quando un calcio di Rossi fece perdere l'equilibrio a Marquez, cosa che costò il Mondiale all'italiano.

Crutchlow è al terzo successo in MotoGp, dopo quelle nel 2016 in Repubblica Ceca e Australia. La pista scivolosa e la partenza nel caos hanno condizionato la gara. Maverick Vinales non è andato oltre il quinto posto staccato di oltre 14" da Crutchlow. Poi Tito Rabat del Team Avintia Racing settimo, Andrea Iannone su Suzuki ottavo, il malese Syahrin Hafizh su Yamaha nono, davanti a Danilo Petrucci su Ducati del Team Pramac decimo. 

HANNO DETTO - "E' bello vincere. Era qualcosa che non si poteva prevedere, ma alla fine ho vinto. E' stato difficile, c'era l'ultima curva bagnata, ma ho fatto un buon lavoro e sono contento di questa gara. Sapevo che dovevo mettermi davanti negli ultimi giri". Cal Crutchlow, pilota Honda LCR, è raggiante per il suo terzo centro nella MotoGp. "Sono felice, tutti abbiamo fatto un lavoro eccezionale. Sapevo che qui sarei stato nei primi tre in questo weekend, ho giocato bene le mie carte durante la gara. Ho risparmiato l'anteriore e questo mi ha aiutato nel finale, ho cercato di non finire nella parte bagnata. Quanto è successo dietro di me non mi interessava, sapevo che da quarto dovevo attaccare, sapevo che sarebbe stata lotta dura e sono contento di come è finita". Più amaro il commento di Johann Zarco, secondo al traguardo argentino: "La vittoria arriverà a breve, devo continuare a spingere così. La gara è stata difficile, c'erano dei punti bagnati, ho provato delle cose, ma non ero rilassato per fare meglio". Di tutt'altro tono Alex Rins: "Sono felicissimo del podio, grazie al team, prima della partenza ero molto nervoso per il ritardo, poi nell'ultimo giro ho perso un po', pensavo che Miller fosse dietro, comunque sono contento del terzo poto". 

MotoGp, rivivi la diretta della gara

MOTOGP_30284477_223147

Ordine d'arrivo

1. Cal Crutchlow (Gbr) Honda 40'36"342 alla media di 170,4 Km/h 
2. Johann Zarco (Fra) Yamaha 0"251 
3. Alex Rins (Esp) Suzuki 2"501 
4. Jack Miller (Aus) Ducati 4"390 
5. Maverick Viñales (Esp) Yamaha 14"941 
6. Andrea Dovizioso (Ita) Ducati 22"533 
7. Tito Rabat (Esp) Ducati 23"026 
8. Andrea Iannone (Ita) Suzuki 23"921 
9. Hafizh Syahrin (Mal) Yamaha 24"311 
10. Danilo Petrucci (Ita) Ducati 26"003  
Giro più veloce: (22°) Marquez in 1'39"902 a 173,1 Km/h.

Questa la classifica del Mondiale MotoGP: 

1. Cal Crutchlow (Gbr) 38 punti 
2. Andrea Dovizioso (Ita) 35 punti 
3. Johann Zarco (Fra) 28 
4. Maverick Viñales (Esp) 21 
5. Marc Marquez (Esp) 20 
6. Jack Miller (Aus) 19 
7. Danilo Petrucci (Ita) 17 
8. Valentino Rossi (Ita) 16 
9. Alex Rins (Esp) 16 
10. Andrea Iannone (Ita) 15  

Costruttori: 
1. Honda 45 punti 
2. Ducati 38 
3. Yamaha 36 
4. Suzuki 23 
5. KTM 5 
6. Aprilia 4.

La diretta testuale e tweet.

Marquez penalizzato 

- Crutchlow vince davanti a Zarco. Rins terzo

Ultimo giro - Marquez e Vinales inseguono il gruppetto di testa

Giro 22 - Crutchlow passa anche Zarco e torna primo

Giro 21 - Crutchlow si riprende la seconda piazza passando Rins.

Giro 21 - Rossi è 19esimo. Marquez ancora sotto investigazione. Crutchlow superato da Zarco e Rins

Giro 20 - Marquez entra deciso su Rossi in curva e lo spinge fuori. Il Dottore cade sull'erba

Giro 19 - Crutchlow, Zarco e Rins si giocano la vittoria. Miller rimasto dietro. Quinto Vinales e sesto Rossi, tallonato da Marquez

Giro 17 - Sbaglia Miller, australiano superato da Crutchlow, Zarco e Rins

Giro 17 - Marquez passa anche Dovizioso, è settimo. 

Giro 16 - Marquez è tornato. Lo spagnolo è già risalito all'ottavo tempo. Crutchlow passa Zarco ed è secondo. Rins scivola quarto 

Giro 15 - E' battaglia tra Rins e Miller. Sfida Ducati - Suzuki

Giro 14 - Rossi è sesto. Dovi in difficoltà è superato dalle Yamaha

Giro 13 - Rins insiste, Miller non molla. Zarco si riavvicina

Giro 12 - Rins prova a passare Miller, l'australiano resiste 

Miller primo, Rins secondo, Zarco terzo, Crutchlow quarto, Dovizioso quinto, Vinales sesto, Rossi settimo

Giro 10 - Marquez richiamato deve cedere il passo a Espargaro. Vinales e Valentino su Rabat. Lo passano

Giro 9 - Contatto tra Marquez ed Espargaro. Lo spagnolo lo tocca in curva, i due restano in piedi

Marquez è 19esimo

Giro 6 - Marquez sconta la penalità passando per i box. Miller torna primo 

Giro 4 - Iannone passa Rossi, è ottavo. Marquez con un secondo e mezzo di vantaggio su Miller. Lo spagnolo però è stato penalizzato per il problema in partenza: per lui Ride Through  

Giro 3 - Marquez primo, MIller secondo, Rins terzo, Zarco quarto,  Crutchlow quinto, Rabat sesto.

Giro 2 - Dovizioso è settimo e Rossi ottavo.

Marquez supera Zarco. Cade Pedrosa, tentando di passare Zarco

Giro 1 - Miller, Pedrosa, Zarco, 

Partiti

Tutto pronto per lo start: si spegne la moto di Marquez

Miller sarà l'unico a partire dalla piazzola in pole. Gli altri partono con l'ordine delle qualifiche, ma con la griglia che parte dall'ultimo posto, molto dietro . La gara diventa di 24 giri. 

Ci sarà un giro in meno. Le moto saranno schierate nella posizione delle qualifiche. "Situazione mai vista" è stato twittato sull'account della MotoGp

Le moto potranno cambiare gomme senza penalizzazioni. Miller, l'unico con le gomme da asciutto è rimasto in griglia, e si lamenta perché la decisione della commissione di gara lo penalizza. E' caos

Partenza rinviata per consentire il cambio pneumatici da rain ad asciutto.

Prima della gara.

MOTO 2 - Super Italia nel Gran Premio di Argentina. Mattia Pasini ha vinto in Moto2. Il pilota italiano, su una Kalex dell'Italtrans Racing Team, ha preceduto di 0.850 centesimi di secondo lo spagnolo Xavi Vierge e di 1.414 il porgoghese Miguel Oliveira. Quarto Lorenzo Baldassarri su una Kalex del Team Pons HP40.

MOTO 3 - Soddisfazioni per l'Italia anche dalla Moto 3. Marco Bezzecchi (Redox PruestelGP) ha vinto il Gran Premio di Argentina. Il pilota italiano su KTM ha preceduto lo spagnolo Aron Canet di 4.689 secondi. Terzo Fabio Di Giannantonio su Honda a quasi 5 secondi. Quarto posto per Enea Bastianini sempre su Honda. Prima vittoria in carriera per Bezzecchi, al suo secondo podio dopo il terzo posto del 2017 nel Gp del Giappone.

Belen Rodriguez