Torino, 16 aprile 2019 – Il giorno è arrivato, la sveglia è suonata: in casa Juventus è l'ora della verità. Stasera alle 21 all'Allianz Stadium di Torino sbarcano gli sfrontati ragazzini dell'Ajax per il ritorno dei quarti di finale di Champions League. Si parte dall'1-1 di Amsterdam, un risultato che regala appena qualche metro di vantaggio ai bianconeri. La strada verso la semifinale è lunghissima: novanta minuti che dureranno una vita, quelli di stasera. Non a caso ieri Massimiliano Allegri si è detto sicuro che “sarà una partita infinita”. Ecco allora tutte le cose da sapere su questo big-match.

LA JUVE PASSA SE – I bianconeri hanno la certezza di passare, ovviamente, in caso di vittoria. Ma non è neanche obbligatorio battere l'Ajax: alla squadra di Allegri basterebbe anche lo 0-0 per qualificarsi, dal momento che l'1-1 dell'andata premierebbe il gol segnato fuori casa. L'1-1 porterebbe la partita ai supplementari (ed eventualmente ai calci di rigore), mentre qualsiasi pareggio dal 2-2 in su, qualificherebbe gli olandesi sempre per la regola delle reti in trasferta.

I RIGORISTI BIANCONERI – Allegri ha curato ogni dettaglio per questa serata che, nel bene o nel male, può valere una stagione intera. Nella rifinitura di stamattina, infatti, i bianconeri si sono soffermati a lungo anche sui calci di rigore. Cristiano Ronaldo è il rigorista designato nei novanta minuti, ma, se la partita dovesse decidersi con la lotteria degli 11 metri, il portoghese ne tirerebbe uno strategico, verosimilmente il quinto, proprio come nella finale del 2016 vinta dal Real contro l'Atletico Madrid. Gli altri tiratori in odore di nomination sono Pjanic (due rigori già realizzati in questa Champions, entrambi nel debutto di Valencia, con CR7 espulso), Dybala, Bonucci ed Emre Can. Kean e Bernardeschi altri possibili candidati.

Juve, le ultime news

Emre Can ha spaventato i tifosi juventini. Il tedesco stamattina non è salito sul pullman diretto allo Stadium per la rifinitura. Dopo i timori iniziali suscitati da questo presunto giallo, ecco la spiegazione: Can ha raggiunto da solo e in anticipo lo stadio per sottoporsi a terapie personalizzate, avendo da poco recuperato da un guaio muscolare. Stasera i grandi assenti saranno Giorgio Chiellini e Mario Mandzukic: ma mentre il forfait del capitano bianconero era ampiamente preventivato (già all'andata era toccato a Rugani), quello del gigante croato ha complicato i piani tattici di Allegri. Seguendo la logica delle gerarchie, il sostituto dovrebbe essere Dybala che andrebbe ad agire da falso nueve nel tridente con ai lati Ronaldo e Bernardeschi, in un 4-3-3 collaudato. L'alternativa più suggestiva porta il nome di Moise Kean, il ragazzino che in poche settimane si è preso la scena bianconera a suon di gol: Allegri lo preferisce come soluzione a gara in corso, ma è stuzzicato dall'effetto sorpresa, perché è chiaro che con il 19enne azzurro dall'inizio la Juve imposterebbe il gioco in maniera diversa, provando a colpire l'Ajax in velocità e nelle ripartenze. La terza soluzione prevederebbe l'avanzamento nei tre davanti di Cancelo, coperto alle spalle da De Sciglio. Capitolo avversari: recuperato De Jong, Ten Hag schiera l'undici tipo, con la sola eccezione dello squalificato Tagliafico.

Le formazioni ufficiali

Juventus (4-3-3): Szczesny; De Sciglio, Rugani, Bonucci, Alex Sandro; Emre Can, Pjanic, Matuidi; Bernardeschi, Dybala, Ronaldo. 

Ajax (4-2-3-1): Onana; Veltaman, De Ligt, Blind, Mazraoui; Schone, De Jong; Ziyech, Van De Beek, Neres; Tadic.

Dove vederla in tv.  La partita sarà trasmetta in esclusiva da Sky nei canali Sky Sport 1 e Sky Sport 252: fischio d'inizio alle 21.