Stadi: i vincoli del Franchi, manca la soluzione ponte

Ci sono 150 milioni di fondi pubblici per rifare l’impianto, ma resta il nodo del terreno di gioco temporaneo

Migration

Firenze, 13 gennaio 2024 – A Firenze il sindaco Dario Nardella ha in tasca 150 milioni di fondi pubblici per rifare lo stadio Artemio Franchi, ma non la soluzione per il terreno di gioco della Fiorentina durante i lavori, il cui inizio incombe perché il contributo prevede una realizzazione entro il 2026.

C’è stato un summit in Prefettura, giovedì, che ha ribadito la distanza siderale tra Palazzo Vecchio e il club. Rapporti incrinati che complicano ulteriormente una situazione già ingarbugliatissima. E le scadenze imposte da Uefa e Lega Calcio, aprile e giugno, per la comunicazione del campo dei viola per la prossima stagione, incombono.

Nardella , con l’appoggio del governatore della Toscana Eugenio Giani, ha messo dieci milioni per allestire il Padovani, lo stadio del rugby che sorge nello stesso quartiere del Franchi, Campo di Marte. Però il budget stanziato per il Padovani non è sufficiente a trasformarlo in un impianto capace di ospitare la serie A: mancano almeno tre milioni, forse di più. E soprattutto preoccupano le tempistiche. Secondo Palazzo Vecchio, la Fiorentina dovrebbe giocare a Empoli mentre si costruisce il suo “stadio b”. Ma sul Castellani, ha ribadito la propria contrarietà il sindaco di Empoli, Brenda Barnini.

E soprattutto neanche la Fiorentina - presente al tavolo in prefettura con il suo dg Joe Barone - appoggia la soluzione Empoli. E non sposa neanche il Padovani: per la Fiorentina, che fa i conti con introiti da sponsorizzazioni e biglietteria, l’unica soluzione è restare al Franchi. Giocare con il cantiere significherebbe allungare i tempi, rischiare di perdere il contributo dei Ministeri. Un disastro per Nardella, alla vigilia delle elezioni che a Firenze si stanno giocando anche su questa tema. Il tifoso, che è pure elettore, si fa una domanda, spuntata anche sugli spalti del Franchi nel vittorioso quarto di finale di Coppa Italia contro il Bologna: dove giocherà la Fiorentina?

Se la squadra di Italiano , protagonista di un campionato entusiasmante, centrerà nuovamente l’Europa, potrebbe emigrare a Reggio Emilia o, visti i buoni rapporti del patron Commmisso con Saputo, a Bologna. Ma per il campionato 2024-’25, dopo una ricognizione fallita degli altri stadi della regione, siamo in alto mare.