Simone Inzaghi
Simone Inzaghi

ROMA, 22 dicembre 2020 - Ultimo impegno del 2020, la Lazio dopo aver ritrovato vittoria ed entusiasmo contro il Napoli, schiacciato per 2-0 all’Olimpico, chiuderà l’anno a San Siro contro il Milan capolista dell’ex Stefano Pioli. Un impegno probante, difficile ma sicuramente pieno di motivazioni. Per presentare la sfida ai microfoni dei canali ufficiali della società è intervenuto il tecnico biancoceleste Simone Inzaghi: “Il nostro obiettivo è quello di dare continuità all’ottima prova offerta contro il Napoli. Dobbiamo provare a mettere in campo una prestazione importante contro la prima della classe, contro la squadra più in forma del campionato. I rossoneri hanno ottenuto grandi risultati. Abbiamo problemi di formazione come il Milan, ma andremo a Milano con la voglia di svolgere questa trasferta al meglio”.

Inzaghi: "Acerbi e Leiva non ce la fanno. Correa da valutare"

Tante le assenze al quale il tecnico biancoceleste dovrà far fronte. Non verranno rischiati Leiva e Acerbi, che avranno così la sosta natalizia a disposizione per ritrovare la condizione migliore e tornare nel 2021 a dare il proprio contributo alla squadra. Ad annunciarlo è stato lo stesso Inzaghi: "Nella partita di domani mancheranno Leiva, Acerbi, Parolo, Lulic e Fares, mentre Correa lo valuterò nel corso dell’allenamento di oggi. Pioli ha portato certezze al gruppo rossonero: giocando da squadra e concentrati si possono vincere partite importanti. Abbiamo avuto poco tempo per recuperare, dovrò valutare oggi i miei uomini. La cosa più importante sarà dare continuità alla prestazione di domenica con il Napoli". Chiosa finale con un bilancio del 2020, che ha portato in casa Lazio un trofeo ma anche il ritorno in Champions League: "Il 2020 è iniziato con la vittoria della Supercoppa di Riad, poi siamo tornati in Champions League dopo 20 anni. L’emergenza sanitaria ci ha penalizzati, considerando ovviamente l’assenza dei tifosi laziali all’Olimpico. Quest’anno solare ci ha regalato tantissime emozioni, ora dobbiamo provare a chiuderlo al meglio”.
 

Leggi anche - Italia, Mancini: "Possiamo giocarcela con tutti. Rinnovo? Nessun problema"