14 apr 2022

Milan, Pioli: "Crediamo ancora nello scudetto. Il Genoa gioca un calcio efficace"

Il tecnico rossonero ha parlato alla vigilia della sfida contro i rossoblu

matteo airoldi
Sport
Pioli (ANSA)
Stefano Pioli (Ansa)

Milano, 14 aprile 2022 – Il Milan crede ancora nello scudetto. Un concetto espresso ieri da Davide Calabria e ribadito quest’oggi da mister Stefano Pioli nella conferenza che precede il turno prepasquale di domani contro il Genoa: “Ci crediamo per come giochiamo il nostro calcio energico. Creiamo più occasioni dei nostri avversari. Dobbiamo crederci fino alla fine. Non siamo ai vertici per caso e non abbiamo raccolto gli ultimi risultati per caso. Dobbiamo fare di più per arrivare alla vittoria. Insieme Siamo più forti e ci giocheremo le nostre carte da qui alla fine”.

Quel che è certo è che ai rossoneri servirà ritrovare brillantezza in attacco, dove soprattutto Leao nelle ultime uscite non è riuscito a fare la differenza: “Se riusciamo ancora a lottare per scudetto e Coppa Italia è perché tutti sono riusciti a dare il meglio. E’ chiaro che viene tenuto più d’occhio ma anche domani sarà marcato stretto, ma sarà fondamentale per noi metterlo in condizione di fare tanti uno contro uno”.

La squadra comunque sta bene e non è preoccupata di non essere teoricamente più padrona appieno del suo destino: “Se giochiamo come sappiamo fare possiamo vincere le partite. Le somme le tireremo alla fine. Dobbiamo soltanto provare a fare più punti possibili. Giochiamo sempre per vincere e se non ci riusciamo siamo delusi, ma è normale. La delusione va però subito trasformata in concentrazione per la partita seguente. Ho visto la squadra convinta dei propri mezzi e che sa di dover fare di più”.

Qui Genoa

Dall’altra parte ci sarà un Genoa altrettanto alla ricerca di punti preziosi in chiave salvezza e capace di difendersi bene: “Eccezion fatta per l’ultima uscita, il Genoa si è sempre difeso bene e ha giocato un calcio efficace e al tempo stesso efficace. Ci siamo però preparati per crearci dei vantaggi e delle situazioni favorevoli”. La buona notizia sono i recuperi di Rebic e Bennacer ma mancherà ancora all’appello Zlatan Ibrahimovic: “Rispetto alla gara di Torino tornano Bennacer e Rebic che potranno giocare dal 1’ o a gara in corso. Ibra starà invece ancora fuori circa una settimana o poco più. Tutti possono avere problemi fisici e lui ne ha avuto qualcuno in più. Ora è alle prese con un affaticamento al ginocchio. E’ andata così ma speriamo di recuperarlo in vista del finale di stagione”. Sul futuro dello svedese: “Farà la scelta migliore e noi saremo con lui qualsiasi scelta faccia”. Ciò che domani non mancherà, sarà la spinta di San Siro: “I tifosi con la loro spinta sono la nostra arma in più e noi dobbiamo sfruttarla da qui a fine stagione”.

Leggi anche - Champions League: Manchester City e Liverpool in semifinale

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?