Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
20 giu 2022

Juventus, Szczesny: "Voglio chiudere qui la mia carriera"

Il portiere polacco sul proprio futuro: "Mi piacerebbe rispettare il mio contratto fino al 2025, poi magari andrò in Spagna dove ho una casa"

20 giu 2022
francesco bocchini
Sport
Wojciech Szczesny
Wojciech Szczesny
Wojciech Szczesny
Wojciech Szczesny

Torino, 20 giugno 2022 - "Se la Juventus sarà il mio ultimo club? Sì. Ho ancora tre anni di contratto e se mi vorranno tenere mi piacerebbe portarlo a termine. Ogni anno ci sono rumors di mercato, ora mi preoccupo quando non escono nomi nuovi per la porta...". Wojciech Szczesny giura fedeltà alla Vecchia Signora. Il polacco, diventato estremo difensore titolare dei bianconeri dopo la prima separazione da Gigi Buffon, non si vede altrove prima di appendere i guantoni al chiodo. "Giocare così tanto come Buffon? No, voglio restare alla Juventus fino al 2025, poi magari andrò in Spagna dove ho una casa", spiega l'ex Arsenal e Roma attraverso le colonne del quotidiano polacco Przegld Sportowy. 

Stagioni di transizione

L'intervista diventa l'occasione buona non solo per parlare di futuro, ma pure di passato. "La Champions League era alla nostra portata nelle prime due stagioni, poi siamo usciti con squadre contro cui non avremmo dovuto perdere. Ma questa è la Champions. I due anni senza Scudetto in Italia? Prima o poi doveva finire... dopo nove stagioni di vittorie c'è stato un ricambio generazionale dei giocatori. Cambiare costa sempre qualcosa - il parere del classe '90 - Credo comunque che Pirlo e Allegri abbiano fatto un ottimo lavoro arrivando alla qualificazione in Champions". 

Elogio a CR7

Un pensiero Szczesny lo rivolge anche a Cristiano Ronaldo. "Un calciatore brillante, che fa la differenza non solo sul campo. Non so se esiste qualcuno nel mondo al suo livello. Quando è arrivato però non lo vedevamo come CR7, ma come un compagno di squadra. Con lui però ho provato cose che non ho mai sentito con altri giocatori: entrando in campo con lui, prima ancora che l'arbitro fischiasse l'inizio, era come essere già in vantaggio 1-0. E' stato impressionante". 

Leggi anche - Marotta: "Nostre attenzioni su Lukaku e Dybala"

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?