17 gen 2022

Dybala all'Inter? Marotta ci pensa: servono 10 milioni

L'argentino segna con l'Udinese poi guarda dritto in tribuna, con la Juve è tensione. La Joya chiede 10 e i bianconeri non sono intenzionati ad accontentarlo, Marotta tenta il grande colpo

manuel minguzzi
Sport
Paulo Dybala
Paulo Dybala

Milano, 17 gennaio 2022 - Inter e Paulo Dybala, missione quasi impossibile ma se c'è qualcuno che può portarla a termine quello è Beppe Marotta. L'amministratore delegato dell'Inter, a modo suo, ha parlato della pista ieri sera a margine del match con l'Atalanta, con un occhio di riguardo al suo parco attaccanti, che giustamente non può essere sminuito in pubblico, ma al tempo stesso ammettendo la necessità di tenere sempre monitorato il mercato. Servono comunque 10 milioni l'anno.

Monitoriamo tutto

Cosa ne pensa Marotta dell'occhiataccia di Dybala in tribuna dopo il gol all'Udinese? Ecco: "Cercava me? No, ero a casa - scherza Marotta - Quando un giocatore di valore come Dybala si avvicina allo svincolo è normale che venga accostato ai vari club, ma il nostro reparto offensivo è completo e noi siamo a posto così". Qui la giusta carezza agli attaccanti interisti, che tra l'altro stanno facendo molto bene, ma in ottica estate 2022 gli scenari possono cambiare: "Noi monitoriamo tutto, l'asticella è alta e i tentativi vanno fatti con tutti, ma è giusto portare rispetto ai nostri attaccanti che stanno dando tante soddisfazioni". Ovviamente quel 'monitoriamo tutto' lascia intendere e non intendere, ma è chiaro che Marotta resta sensibile al talento di Dybala per il 2022. La strategia quale può essere? Dybala chiede 10 milioni alla Juventus, ma il club bianconero sembra fermo sulle sue posizioni, così l'argentino dovrebbe essere costretto ad una scelta: restare con ingaggio più basso o andare via. In quel caso ci proverebbe Marotta, che lasciando partire Sanchez a giugno, 7 milioni il suo ingaggio, liberebbe spazio per Dybala aggiungendone circa 3. Anche qui si creerebbe una nuova gerarchie in seno all'Inter che al massimo si era fermata a 7.5 milioni ad Eriksen, ma chissà che per la Joya non si riesca a fare uno strappo alla regola. Nonostante cifre alte, manovrando bene sulle possibili uscite a giugno, soprattutto di giocatori con alto ingaggio e non titolari, un altro è Arturo Vidal, ci sarebbe margine di manovra. Marotta fiuta il colpo, tuttavia non dipende solo da lui: la prima priorità è juventina, a patto che si trovi un accordo che ora non c'è.

Leggi anche - Sampdoria, D'Aversa esonerato, torna Giampaolo

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?