14 gen 2022

Inter, Dybala quasi impossibile. Marotta rinnova e ci prova

Marotta monitora la situazione del rinnovo di Dybala, ma il colpo sarebbe difficilmente sostenibile. Intanto Zhang è pronto a rinnovare tutta la dirigenza

manuel minguzzi
Sport
Paulo Dybala
Paulo Dybala

Milano, 14 gennaio 2022 - Da due giorni rimbalza in ambiente di calciomercato una clamorosa voce: Inter su Paulo Dybala. L'argentino sta vivendo una delicata trattativa per il rinnovo di contratto con la Juventus, un accordo che sembrava imminente un mese fa ora non lo è più e le parti si sarebbero irrigidite. L'amministratore delegato della Juventus Arrivabene ha lanciato qualche puntura di spillo verso la Joya e ciò che sembrava scontato, cioè una nuova firma sul contratto, oggi vacilla. E Beppe Marotta, re dei colpi a parametro zero, starebbe fiutando l'affare. Bisogna però dire subito una cosa: l'operazione è quasi impossibile.

Ingaggio da 10 milioni

Ora, che si tratti di una suggestione al momento è certo, ma che Beppe Marotta sia sensibile al talento di Dybala è altrettanto vero. Tra dire e fare, però, c'è di mezzo il mare. Il tutto per un semplice motivo: l'ingaggio. L'operazione Paulo Dybala sarebbe difficilmente sostenibile per l'Inter che fino a qui ha elargito il massimo dell'ingaggio a Christian Eriksen (7.5 milioni di euro). Per l'argentino bisognerebbe arrivare a 10 e qualcosa in più, significa uno sforzo eccessivo per il bilancio nerazzurro a meno che in estate non si riesca a liberare il monte ingaggi di qualche pedina pesante. I più pagati sono Sanchez e Vidal attorno ai 7 milioni di euro. Ma tornando al discorso, oltre all'ingaggio, bisognerà capire quali priorità avrà Dybala: ci sarà una corsia preferenziale con la Juve? Insomma, la Joya spera ancora di rinnovare ma, se non accadesse, passerebbe ai rivali storici? Difficile da dire.

Marotta, Baccin e Ausilio fino al 2025

 

La presenza in città di Steven Zhang ha permesso anche di accelerare alcuni accordi per i fautori di questo rilancio nerazzurro. Si lavora alla conferma in toto della dirigenza, con Beppe Marotta, Piero Ausilio e Dario Baccin pronti a rinnovare fino al 2025. Un altro segnale di continuità per un ciclo vincente appena nato e che ha già portato in dote uno Scudetto e una Supercoppa. Una volta rinnovati i dirigenti, dovrebbe toccare anche all'allenatore Simone Inzaghi.

Leggi anche - Juve-Udinese, Allegri: "Bonucci out"


 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?