Zion Williamson prima scelta dei New Orleans Pelicans (Ansa)
Zion Williamson prima scelta dei New Orleans Pelicans (Ansa)

New York (Stati Uniti), 21 giugno 2019 – Zion Williamson sapeva da settimane che quasi certamente, dopo una stagione sensazionale in cui ha vestito la casacca di Duke mancando il titolo NCAA ma viaggiando lo stesso a 22 punti e quasi 9 rimbalzi di media, sarebbe stato scelto dai New Orleans Pelicans con la prima scelta assoluta al Draft NBA di quest’anno. Eppure, poche ore fa, quando il commissioner NBA Adam Silver ha chiamato il suo nome associandolo alla franchigia della Louisiana, il ragazzone nativo della Carolina del Nord non è comprensibilmente riuscito a trattenere l’emozione e si è sciolto in un pianto di commozione davanti alla platea del Braclays Center di New York: “Non so davvero come descrivere tutte le emozioni che sto provando ora – ha detto Williamson -. Da piccoli tanti bambini sognano di arrivare in NBA. Poi ovviamente molti hanno un piano B perché le probabilità di arrivarci non sono così alte. Essere stato selezionato con la prima chiamata assoluta rappresenta per me la realizzazione del sogno più grande”. Adesso per Williamson si schiudono le porte della lega professionistica americana dove, a detta di molti, sarà destinato ad essere la stella assoluta dei prossimi anni.

 

Ben poche sorprese ci sono state anche nelle chiamate immediatamente successive: i Memphis Grizzlies, che avevano la seconda scelta assoluta, hanno selezionato la guardia proveniente da Murray State, Ja Morant, mentre i New York Knicks, terzi a scegliere, si sono assicurati le prestazioni dell’ala RJ Barrett, proveniente da Duke come Williamson. La quarta scelta, dopo uno scambio che ha coinvolto anche i Pelicans – titolari di questa chiamata a seguito dell’affare che ha portato Anthony Davis ai Lakers – è invece finita agli Atlanta Hawks che hanno selezionato il lungo De’ Andre Barrett, formatosi a Virginia. Il quinto giocatore selezionato è stato Darius Garland, playmaker uscito da Vanderbirlt e finito ai Cleveland Cavaliers. Infine, da segnalare, in un draft in cui non erano presenti giocatori italiani selezionabili, il primo europeo ad essere stato chiamato è stato il lungo francese di origine guineana Sekou Doumbouya, proveniente dal massimo campionato transalpino dove militava per il Limoges.

 

Le prime 10 scelte assolute:

 

  1. Zion Williamson – New Orleans Pelicans
  2. Ja Morant – Memphis Grizzlies
  3. RJ Barrett – New York Knicks
  4. De’Andre Hunter – Atlanta Hawks (via Pelicans)
  5. Darius Garland – Cleveland Cavaliers
  6. Jarret Culver – Minnesota Timberwolves (via Suns)
  7. Coby White – Chicago Bulls
  8. Jaxson Hayes – New Orleans Pelicans (via Hawks)
  9. Rui Hatchimura – Washington Wizards
  10. Cam Reddish – Atlanta Hawks (via Mavericks)

New York (Stati Uniti), 21 giugno 2019 – Zion Williamson sapeva da settimane che quasi certamente, dopo una stagione sensazionale in cui ha vestito la casacca di Duke mancando il titolo NCAA ma viaggiando lo stesso a 22 punti e quasi 9 rimbalzi di media, sarebbe stato scelto dai New Orleans Pelicans con la prima scelta assoluta al Draft NBA di quest’anno. Eppure, poche ore fa, quando il commissioner della massima lega cestistica americana, Adam Silver, ha chiamato il suo nome associandolo alla franchigia della Louisiana, il ragazzone nativo della Carolina del Nord non è comprensibilmente riuscito a trattenere l’emozione e si è sciolto in un pianto di commozione davanti alla platea del Braclays Center di New York: “Non so davvero come descrivere tutte le emozioni che sto provando ora – ha detto Williamson -. Da piccoli tanti bambini sognano di arrivare in NBA. Poi ovviamente molti hanno un piano B perché le probabilità di arrivarci non sono così alte. Essere stato selezionato con la prima chiamata assoluta rappresenta per me la realizzazione del sogno più grande”. Adesso per Williamson si schiudono le porte della lega professionistica americana dove, a detta di molti, sarà destinato ad essere la stella assoluta dei prossimi anni.

Ben poche sorprese ci sono state anche nelle chiamate immediatamente successive: i Memphis Grizzlies, che avevano la seconda scelta assoluta, hanno selezionato la guardia proveniente da Murray State, Ja Morant, mentre i New York Knicks, terzi a scegliere, si sono assicurati le prestazioni dell’ala RJ Barrett, proveniente da Duke come Williamson. La quarta scelta, dopo uno scambio che ha coinvolto anche i Pelicans – titolari di questa chiamata a seguito dell’affare che ha portato Anthony Davis ai Lakers – è invece finita agli Atlanta Hawks che hanno selezionato il lungo De’ Andre Barrett, formatosi a Virginia. Il quinto giocatore selezionato è stato Darius Garland, playmaker uscito da Vanderbirlt e finito ai Cleveland Cavaliers. Infine,ù non ce l'ha fatta a trovare squadra David Okeke, unico giocatore italiano selezionabile, mentre il primo europeo ad essere stato chiamato è stato il lungo francese di origine guineana Sekou Doumbouya, proveniente dal massimo campionato transalpino dove militava per il Limoges e finito ai Detroit Pistons con la quindicesima chiamata assoluta.

 

Le prime 10 scelte assolute:

1. Zion Williamson – New Orleans Pelicans

 

2. Ja Morant – Memphis Grizzlies

3. RJ Barrett – New York Knicks

4. De’Andre Hunter – Atlanta Hawks (via Pelicans)

5. Darius Garland – Cleveland Cavaliers

6. Jarret Culver – Minnesota Timberwolves (via Suns)

7. Coby White – Chicago Bulls

8. Jaxson Hayes – New Orleans Pelicans (via Hawks)

9. Rui Hatchimura – Washington Wizards

10. Cam Reddish  – Atlanta Hawks (via Mavericks)