Sergio Rodriguez (ANSA)
Sergio Rodriguez (ANSA)

Milano, 11 marzo 2020 – Mentre tra i confini della Serie A in queste ore si è parlato della questione dei due contagiati dichiarati oggi dalla Carpegna Prosciutto Pesaro – che ha comunque precisato che non si tratta di giocatori o membri dello staff tecnico – le squadre italiane impegnate nelle coppe europee di basket devono cominciare a fare i conti anche al di fuori del campionato con le restrizioni legate al crescente allarme Coronavirus: proprio oggi infatti, Euroleague ha fatto sapere che la gara tra Armani AX Milano e Olympiacos, inizialmente prevista per domani sera al Forum, è stata spostata a venerdì alle 20.45 alla Mercedes Benz Arena di Berlino dove si giocherà a porte chiuse.

La gara di dopodomani non sarà comunque l’unica giocata lontano dal proprio campo di gioco dall’Olimpia che sarà costretta a scendere in campo neutro, come fatto sapere dall’organismo presieduto da Jordi Bertomeu, anche contro Asvel Villeurbanne e CSKA Mosca. Una difficoltà non semplice da affrontare per un club in piena lotta playoff. Questo tipo di provvedimento investirà però anche le squadre italiane impegnate in Eurocup: stiamo parlando ovviamente di Reyer Venezia e Virtus Segafredo Bologna che giocheranno in campo neutro i quarti di finale rispettivamente contro gli spagnoli dell’Unicaja Malaga e contro il Monaco.