Amedeo Della Valle (LaPresse)

Bologna, 6 febbraio 2018 – E’ stato un martedì chiaroscurale quello delle squadre italiane impegnate nelle coppe europee. La nota più lieta arriva dall’Eurocup dove la Grissin Bon Reggio Emilia ha battuto i francesi dell’ASVEL Villeurbanne 75-68 e si è qualificata per i quarti di finale. Guidati da Garrett Nevels e da Chris e Julian Wright gli emiliani hanno provato ad allungare agli inizi dell’ultimo quarto (63-54). L’ASVEL non ha però mai mollato e si è riportato sotto grazie a Watkins e Roberson. Ad un passo dall’aggancio i francesi si sono però fermati e così Amedeo Della Valle – migliore in campo con 19 punti – ha messo a segno i canestri che hanno permesso a Reggio di mettere in ghiaccio la vittoria.

Vittoria amara, invece, per la Reyer Venezia che nell’ultimo turno della stagione regolare di Champions League ha battuto l’Estudiantes 92-91 al Taliercio – stesso scarto del match di andata vinto dagli spagnoli – ma non è riuscita a strappare un pass per la seconda fase per via dei successi ottenuti dall’AEK Atene e dallo Strasburgo che invece sono riusciti a qualificarsi. La Reyer, grazie al quinto posto finale ottenuto in un girone a dir poco equilibrato, è comunque riuscita ad assicurarsi almeno un posto nella seconda fase della FIBA Europe Cup dove giocherà anche la Dinamo Sassari. Gli orogranata – che hanno tirato con il 54% dal campo e con il 54% da tre e hanno mandato in doppia cifra ben sei giocatori – hanno dominato nella prima parte del match schizzando persino a +21 a metà del secondo quarto, ma poi hanno subito il rientro degli spagnoli trascinati dallo scatenato Lamndesberg (25 punti) che ha riportato il match in equilibrio. Nel finale però il canestro di Watt ha siglato il pareggio a quota 89 anticipando di pochi istanti la tripla del definitivo sorpasso di Bramos. Già eliminata da tempo dalla competizione, la Sikeli Archivi Capo d’Orlando si è invece congedata dalla Champions con la dodicesima sconfitta incassata in casa del Ludwigsburg che ha portato a casa un severo 86-61. I biancoblu hanno tenuto la scia dei teutonici nel primo quarto ma poi sono caduti sotto i colpi di Cook (26 punti e 10 rimbalzi) e Walkup (20 punti) che hanno via via fatto aumentare il vantaggio in favore di Ludwigsburg fino al +25 finale.