La Nazionale azzurra di ciclismo ha vinto il titolo europeo su strada, aggiudicandosi la prova a cronometro della staffetta mista, al termine della gara disputata a Trento, su un percorso di 48,800 chilometri (22,4 da percorrere per i tre uomini e altrettanti per le tre donne), 8 settembre 2021. La squadra azzurra, formata da Matteo Sobrero, Filippo Ganna, Alessandro De Marchi, Elena Cecchini, Marta Cavalli ed Elisa Longo Borghini, ha chiuso la prova contro il tempo in 51'59"01, precedendo i campioni uscenti della Germania sul gradino pi� alto del podio.
ANSA/ US Regione Trentino/ Dario Belingheri/BettiniPhoto
+++ ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING +++
La Nazionale azzurra di ciclismo ha vinto il titolo europeo su strada, aggiudicandosi la prova a cronometro della staffetta mista, al termine della gara disputata a Trento, su un percorso di 48,800 chilometri (22,4 da percorrere per i tre uomini e altrettanti per le tre donne), 8 settembre 2021. La squadra azzurra, formata da Matteo Sobrero, Filippo Ganna, Alessandro De Marchi, Elena Cecchini, Marta Cavalli ed Elisa Longo Borghini, ha chiuso la prova contro il tempo in 51'59"01, precedendo i campioni uscenti della Germania sul gradino pi� alto del podio. ANSA/ US Regione Trentino/ Dario Belingheri/BettiniPhoto +++ ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING +++

Trento, 8 settembre 2021 – Con la cronometro di Trento inizia la marcia di avvicinamento di Filippo Ganna al finale di stagione, che per lui significa Europei di ciclismo 2021, Mondiali nelle Fiandre e Mondiali di pista. Il percorso della prova continentale contro il tempo - in programma giovedì 9 settembre - si addice alle caratteristiche del treno di Verbania, infatti è totalmente piatto e privo di variazioni altimetriche: si tratta di una prova per specialisti puri. L'Italia si gioca l'oro.

Trento, l'Italia vince l'oro nella staffetta mista

Percorso

Percorso totalmente disegnato a Trento con partenza da Corso del Lavoro e arrivo a Piazza delle Donne Lavoratrici dopo 22 chilometri di gara. Circuito piatto, ma attenzione alle curve, subito due a novanta gradi prima di arrivare al Ponte Ravina, qui fase più scorrevole per transitare al giro di boa di Aldeno con curva a 180 gradi prima del rilevamento intermedio posto al chilometro 11 di corsa. Si ritorna verso l’arrivo prima passando dal Ponte Mattrello, che dà vita ad un lunga fase da rapporto duro, poi si arriva in via Sansverino per la fase finale di cronometro dove ritornano le curve tra Corso del Lavoro e via Olivetti, propedeutiche all’arrivo in Piazza Donne Lavoratrici.

Startlist e Orari tv

Sono 39 gli atleti iscritti alla corsa e partiranno con ordine inverso rispetto al numero di gara: il pettorale 39 partirà per primo, il pettorale uno partirà per ultimo. Il primo a prendere il via sarà l’olandese Julius van den Berg, l’ultimo sarà lo svizzero Stefan Kung (16:38). Tra un corridore e l'altro ci sarà un intervallo di un minuto. Gli italiani al via saranno due: Filippo Ganna con il pettorale quattro (ore 16:35) ed Edoardo Affini con il pettorale 30 (16:09). La cronometro partirà alle ore 16 e la media viene stimata tra i 50 e i 54 orari con tempi di percorrenza che variano dai 25 ai 27 minuti. Diretta a pagamento su Eurosport, in streaming su Eurosport Player, Discovery Plus e Dazn. Live in chiaro dalle 16 su Raisport Hd, canale 57 del digitale, e in streaming su Raiplay.

Startlist

39 Julius van den Berg (Ned) (16:00)
38 Janos Peligan (Hun) (16:01)
37 Kasper Asgreen (Den)  (16:02)
36 Oleksandr Golovash (Ukr) (16:03)
35 Venantas Lavinis (Lit) (16:04)
34 Artem Ovechkin (Rus) (16:05)
33 Rafael Reis (Por) (16:06)
32 Conn McDunphy (Irl) (16:07)
31 Miguel Heidemann (Ger) (16:08)
30 Edoardo Affini (Ita) (16:09)
29 Runa Herregodts (Bel) (16:10)
28 Bruno Armirail (Fra) (16:11)
27 Stefan Bisseger (Sui) (16:12)
26 Ognjen Ilic (Srb) (16:13)
25 Michel Ries (Lux) (16:14)
24 Omer Goldstein (Isr) (16:15)
23 Ingvar Marsson (Isl) (16:16)
22 Ukko Peltonen (Fin) (16:17)
21 Terme Gyurov (Bul) (16:18)
20 Felix Ritzinger (Aut) (16:19)
19 Jos Van Emden (Ned) (16:20)
18 Barnabas Peak (Hun) (16:21)
17 Mikkel Bjerg (Den) (16:22)
16 Andrej Petrovski (Mac) (16:23)
15 Ronald Kuba (Svk) (16:24)
14 Macjei Bodnar (Pol) (16:25) 
13 Mykhailo Konomenko (Ukr) (16:26)
12 Andreas Miltiadis (Cyp) (16:27)
11 Evaldas Iskevicius (Lit) (16:28)
10 Artem Nych (Rus)  (16:29)
9 Joao Almeida (Por)  (16:30)
8 Jan Barta (Cze)  (16:31)
7 Ryan Mullen (Irl)  (16:32)
6 Max Walscheid (Ger) (16:33)
5 Tadej Pogacar (Slo) (16:34)
4 Filippo Ganna (Ita) (16:35)
3 Remco Evenepoel (Bel) (16:36)
2 Remi Cavagna (Fra) (16:37)
1 Stefan Kung (Sui) (ore 16:38)





































Favoriti


I pettorali bassi rappresentano i migliori corridori del lotto dei partecipanti. Il favorito appare lo svizzero Stefan Kung, seguito a ruota da Filippo Ganna, da valutare lo stato di forma del campione olimpico con i due mondiali (strada e pista) come obiettivi futuri, ma attenzione anche al francese Cavagna e allo specialista della Repubblica Ceca Barta. Poi i fenomeni del momento anche se non sono cronoman puri come Tadej Pogacar (via alle16:34) e Remco Evenepoel (16:36). Outsider da tenere d’occhio il portoghese Joao Almeida.

Leggi anche

Evenepoel al servizio di van Aert ai Mondiali