di Cosimo Firenzani

L’obiettivo della strategia di decarbonizzazione di Eni è quello di raggiungere nel 2050 la riduzione dell’80% delle emissioni nette sull’intero ciclo di vita dei prodotti energetici venduti, oltre la soglia del 70% indicata dall’Agenzia Internazionale dell’Energia nello Scenario di Sviluppo Sostenibile.

La neutralità carbonica nel lungo termine è un elemento centrale nel percorso di trasformazione di Eni, che prevede azioni precise su tutto il portafoglio di business. Anche la strategia di Eni gas e luce si inserisce, quindi, in questo contesto. Sì, perché l’obiettivo di Eni gas e luce è quello di accompagnare i clienti a fare un uso migliore dell’energia, per usarne meno. L’azienda, nata nel 2017 da un processo di societarizzazione delle sue attività retail gas & power, è attiva con 1.600 collaboratori nella commercializzazione di gas, energia elettrica e soluzioni energetiche a famiglie, condomini e imprese con 9 milioni di clienti in 4 paesi europei.

CappottoMio non si limita all’isolamento termico degli edifici per ridurne le dispersioni, ma si estende all’adeguamento energetico delle centrali termiche condominiali con la possibilità di usufruire anche in questo caso di tutti i vantaggi fiscali previsti dall’"ecobonus" (detrazioni fiscali fino all’110% dell’importo dei lavori) e dal "sismabonus" (fino all’110%) con la possibilità di cedere a terzi il credito fiscale. Con gli interventi di CappottoMio i condomini hanno la possibilità di consumare meno energia (dal 30% al 50% in meno) e aumentare il valore patrimoniale. Eni gas e luce lavora anche allo sviluppo di soluzioni digitali per ridurre l’impronta carbonica delle singole case. La società ha infatti lanciato da pochissimo una partnership strategica con OVO per accompagnare, a partire dalla Francia, i clienti a fare un uso più consapevole dell’energia attraverso Kaluza, la piattaforma tecnologica già utilizzata da OVO Energy nel Regno Unito. Il gruppo OVO, fondato nel 2009, serve quasi 5 milioni di clienti con soluzioni tecnologiche intelligenti per la decarbonizzazione delle case.

Di recente, Eni gas e luce ha fatto il suo debutto nel business della mobilità sostenibile con E-start, la nuova linea d’offerta per la ricarica elettrica dei veicoli per clienti residenziali e business. L’obiettivo della società, infatti, è quello di inserirsi nei business nei quali venga valorizzato l’uso consapevole e sostenibile dell’energia. Non a caso, a gennaio 2020, l’azienda ha finalizzato l’acquisizione del 70% di Evolvere, società leader in Italia nella generazione distribuita con oltre 11mila impianti gestiti, di cui 8mila di proprietà installati presso clienti domestici e business. Eni gas e luce contribuisce così a diffondere un nuovo modello energetico in cui il cliente si evolve da semplice consumatore a produttore di energia rinnovabile diventando prosumer. E si prevede che il mercato degli impianti fotovoltaici di piccola taglia in Italia sia in forte crescita nei prossimi 4 anni, con una media di 290 MW all’anno di nuova potenza installata, potendo contare su un bacino potenziale di quasi 9 milioni di case mono o bifamiliari. A loro, attraverso Evolvere, Eni gas e luce propone l’installazione di sistemi di accumulo per massimizzare l’autoconsumo e valorizzare la cessione di flessibilità alla rete, nonché servizi avanzati di monitoraggio della produzione dell’impianto fotovoltaico.