Guardia di Finanza
Guardia di Finanza

Roma, 13 maggio 2021 Sono circa 2,4 le tonnellate di melassa da fumo per narghilè sequestrate dalla Guardia di finanza di Roma nel corso dell’operazione ‘Shisha’, eseguita nella Capitale e in altre 88 città italiane, e che ha portato alla denuncia di 29 persone per il reato di contrabbando doganale.

Non solo fumo

Le Fiamme Gialle del 3° Nucleo Operativo Metropolitano hanno condotto l’indagine su due diversi fronti. Prima ispezionando un deposito situato nel quartiere Casalotti e poi monitorando online le più diffuse piattaforme web per la vendita di prodotti da fumo per narghilè. La confisca ha coinvolto infatti oltre cento esercizi commerciali sparsi in tutta Italia, che immettevano sul mercato tali articoli senza versare le dovute accise.

Oltre alla melassa di contrabbando, nel corso di uno dei controlli in un distributore della Capitale, sono stati trovati anche 1.800 narghilè, 868 orologi Rolex, più di mille confezioni di profumi e prodotti estetici contraffatti e 19.700 dispositivi elettronici non sicuri.