Sono intervenuti i carabinieri
Sono intervenuti i carabinieri

Roma, 1 giugno 2021 – Sarà trattenuto in caserma in attesa del processo per direttissima un 21enne incensurato, domiciliato nel campo nomadi di via Portofino ad Anzio, arrestato a Roma dai carabinieri della stazione Piazza Dante per resistenza a pubblico ufficiale e rifiuto di fornire le proprie generalità.

I fatti sono avvenuti in via Giovanni Giolitti all'Esquilino, dove il giovane ha preso parte a un’animata discussione, che si è subito trasformata in lite, con altre due persone. A quel punto sono intervenuti i militari del Nucleo Scalo Termini per cercare di riportare la calma.

La lite e l’aggressione all’agente

Vista la situazione, a supporto dei colleghi è intervenuta anche una pattuglia della stazione Piazza Dante, in quel momento impegnata in un servizio di vigilanza nei vicini giardini Nicola Calipari di piazza Vittorio Emanuele II.

All’arrivo dei carabinieri, però, il 21enne, si suppone in stato di ebbrezza, inizialmente si è rifiutato di fornire le proprie generalità, per poi scagliarsi contro uno dei militari, afferrandolo per un braccio nel tentativo di scagliarlo a terra. Dopo aver respinto l’aggressione, gli uomini dell’Arma hanno quindi bloccato e ammanettato il giovane.