quotidiano nazionale
11 giu 2022
11 giu 2022

Tentato omicidio a Casoria, sospetta abusi sulla figlia: una donna accoltella il suocero

Una 42enne è stata fermata nellla notte per avere ferito con un'arma da taglio il suocero di 73 anni, ora  prognosi riservata. La donna sospetta abusi sessuali verso la figlia 16enne

11 giu 2022
featured image
Tentato omicidio a Casoria
featured image
Tentato omicidio a Casoria

Napoli, 11 giugno 2022 – Tentato omicidio a nel Napoletano, dove una lite in famiglia degenera e rischia di arrivare alla tragedia. Una donna di 42 anni è stata fermata dopo avere aggredito il suocero 73enne, ferendolo con diversi colpi di arma da taglio. Una storia di violenze continue, il sospetto è che il suocero avesse abusato della figlia minorenne della donna. È successo ieri pomeriggio a Casoria.

L’uomo è grave, ma non in pericolo di vita. Ieri pomeriggio, la 42enne si è presentata nell’abitazione del suocero. Dopo una colluttazione gli avrebbe inferto ferite da taglio in diverse parti del corpo. Per questo, la 42enne – una donna incensurata di Casoria – è stata fermata dai carabinieri perché indiziata di tentato omicidio.

I fatti

L'uomo, si tratta di un 73nne, è stato portato in ospedale: è in prognosi riservata, anche se è cosciente. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, la donna si è recata nell'abitazione dell'anziano con il quale c'è stata una accesa discussione. Dalle parole ai fatti il passo è stato breve. C'è stata dapprima una colluttazione. Poi l'anziano è stato colpito con diversi fendenti, molto probabilmente con un coltello. Scattate le indagini, la donna è stata sottoposta a fermo nel corso della scorsa notte.

Approfondisci:

Lite violenta nel Napoletano, 13enne colpisce il rivale minorenne con un tirapugni e fugge

I sospetti degli abusi sessuali

Dai primi accertamenti, pare che la donna nutrisse gravi sospetti nei confronti del suocero per abusi subiti in passato dalla figlia 16enne avuta da un precedente matrimonio. A riguardo sono in corso accertamenti dei carabinieri, sotto la direzione della Procura della Repubblica di Napoli Nord. Il 73enne rimane in prognosi riservata in condizioni stabili e cosciente. La donna è stata trasferita nel carcere di Pozzuoli.

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?