Previsioni: freddo, pioggia, neve anche a bassa quota e rischio gelicidio. Ecco dove

Una perturbazione attraverserà l’Italia a partire dalle prime ore di giovedì determinando forte maltempo su diverse regioni

Roma, 29 novembre 2024 – L’Italia sta per essere attraversata da una nuova perturbazione. Una bassa pressione che porterà maltempo su diverse regioni (in particolare del centro nord). Le temperature rigide degli ultimi giorni, legate all’aria artica che dallo scorso fine settimana ha fatto irruzione nel Paese, favoriranno anche nevicate a basse quote con fiocchi che arriveranno sino in pianura.

In arrivo neve anche a bassa quota
In arrivo neve anche a bassa quota

Arriva il maltempo

“Tra giovedì e venerdì saremo interessati da una nuova perturbazione che riporterà condizioni di maltempo su diverse aree d’Italia", spiega il meteorologo di 3bmeteo Edoardo Ferrara che spiega come saranno “coinvolte soprattutto le regioni settentrionali e il versante tirrenico, con piogge, rovesci e locali temporali; fenomeni invece scarsi o assenti su versante adriatico e ionico con anche maggiori aperture. Il tutto sarà accompagnato da venti anche forti di Libeccio e Ostro, specie venerdì quando le raffiche potranno superare i 70-80km/h al Centro sud con mareggiate sulle coste esposte”.

Pioggia e neve, ecco dove

“Al Nord la presenza di aria più fredda potrà favorire, almeno in una prima fase, nevicate a quote molto basse – avverte Ferrara –. In particolare giovedì tra notte e mattino sono previste nevicate talora copiose sulle Alpi anche fin verso il fondovalle; neve in collina al Nordovest se non a tratti mista a pioggia anche in pianura tra Piemonte e Lombardia".

Fiocchi dunque non esclusi in città come Torino, Bergamo, Como, Lecco, Varese e in generale sulla Brianza (ma con accumuli nulli o al più tracce). Neve anche a Sondrio, Trento, Bolzano, Belluno, qui invece con accumuli maggiori.

Approfondisci:

In Lombardia arriva l’inverno: picchi di freddo record e neve anche in pianura

In Lombardia arriva l’inverno: picchi di freddo record e neve anche in pianura

Venerdì temperature in rialzo

Entro giovedì sera tuttavia il richiamo di correnti decisamente miti meridionali farà innalzare in modo netto la quota neve, in genere dai 1500-1800m sulle Alpi, anche oltre i 2000-2200m sulle Prealpi. Giusto su alto Piemonte, Alpi Retiche lombarde, Alto Adige e Dolomiti settentrionali potranno resistere sacche fredde con quota neve ancora medio-bassa, ma anche queste zone ‘capitoleranno’ entro venerdì mattina.

Rischio gelicidio

"Laddove i venti miti da Sud non riusciranno a scalzare l'aria fredda incastrata nelle vallate appenniniche, si rischiano episodi di gelicidio in particolare tra la notte e la prima mattina di giovedì. Il gelicidio è la pioggia che cade con temperature sottozero e quindi che congela a contatto con le superfici, con elevati rischi per ghiaccio vivo. Le zone più vocate saranno Appennino genovese, basso Piemonte e Appennino piacentino-ovest Parmense; anche qui comunque entro primo pomeriggio sarà solo pioggia con temperature positive. Si tratterà comunque di episodi localizzati”.

Venerdì piogge in attenuazione

Venerdì la perturbazione tenderà a spostarsi progressivamente verso sud est con un rialzo termico e dalla sera dovebbero tornare condizioni meteorologiche migliori un po’ su tutta Italia.

Weekend freddo, bello al Nord e neve al Sud

“Tra sabato e domenica le correnti si disporranno nuovamente dai quadranti settentrionali, convogliando la massa d’aria fredda di estrazione artica che nel frattempo dilagherà sul Centronord Europa. In questa fase avremo dunque, oltre ad un nuovo calo delle temperature generalizzato, instabilità atmosferica soprattutto al Centro sud con rovesci di neve anche a quote medio-basse”.

Previsioni in regioni e città