di Ciro

Vestita

Per la relatività, una bottiglia d’acqua sulle Dolomiti non ha lo stesso valore di una bottiglia d’acqua nel Sahara. Qualcosa di simile accade nelle invenzioni. Nel 1891, l’americano Clarence Kemp inventò i panelli solari; ma essendoci in quel periodo petrolio a fiumi, questa invenzione non fu nemmeno considerata. Lo stesso accadde per la macchina al vapore: il primo a crearla fu il fisico Erone di Alessandria d’Egitto, che nel 62 d.C. creò una pompa idraulica a vapore per aprire le porte in bronzo del tempio di Serapide e soprattutto per spingere in cima al faro di Alessandria (132 mt) tonnellate di legna per alimentare il faro del porto. Anche questa invenzione non fu considerata: c’erano infatti miriadi di schiavi per trasportare legna e quindi... Ma la storia è ciclica e, ad un certo punto, tutto si ribalta; adesso i pannelli solari sono la miglior fonte di energia pulita e il vapore, dopo aver spinto per due secoli treni e battelli viene ora considerato anche esso una energia pulitissima e, pochi lo sanno, sta diventando il miglior strumento per una sana alimentazione.

La cottura al vapore ha immensi vantaggi:

1) arriva massimo a cento gradi (il forno a 300, la brace a 450) e quindi i cibi non vengono deteriorati da cotture violente. Il tutto è fonte di salute, visto che le forti cotture liberano sostanze poco simpatiche (acroleina ed acrilamide)

2) le vaporiere sono ormai presenti in tutti i moderni ristoranti e vaporiere industriali sono usate per mense scolastiche e villaggi turistici che prediligono una alimentazione salutista.

Usare il vapore in casa è facile. Il metodo più semplice è quello di mettere ad es. sopra una pentola che cuoce legumi una teglia con pesce o carne; il vapore della pentola di legumi cuocerà anch’essi regalandoci una cottura gentile ed anche economica visto il risparmio di gas. Utili anche i cestelli di bambù o le pentole con scolapasta incorporato. Col vapore potremo cuocere anche carne, verdura, frutta col grande vantaggio che la perdita di minerali e vitamine sarà ridottissima contrariamente a quello che accade con altri tipi di cottura.