Martedì 18 Giugno 2024
CRISTIANA MARIANI
Spettacoli

Pagelle finale Isola dei Famosi 2024: Edoardo Stoppa naufrago perfetto, Aras Senol minimo sforzo

La maggior parte dei concorrenti non sarà ricordata a lungo dal pubblico del surviving show condotto da Vladimir Luxuria

Alcuni dei naufraghi dell'Isola dei Famosi 2024

Alcuni dei naufraghi dell'Isola dei Famosi 2024

Aras Senol vince l’Isola dei Famosi 2024. Ecco le pagelle di tutti i concorrenti del surviving show di Canale 5 condotto da Vladimir Luxuria. Il dato di fatto comune a tutti i naufraghi è uno solo: la partecipazione di ognuno a questa edizione televisivamente imbarazzante del programma sarà dimenticata dal pubblico nel giro di pochi giorni.

Alvina Verecondi Scortecci: voto Poro Gigione. Lei a me piace un sacco, la sua utilità all'interno dell'Isola dei Famosi però è stata pari a quella di una forchetta in una minestra in brodo. Visto quanto parla, però, posso solo immaginare di quante chiacchiere riempirà il povero Gigione, fidanzato che ha scelto - grande mossa strategica - di non comparire in televisione. Free Gigione.

Samuel Peron: voto Incudine. Nel senso di pesantezza. Anche meno, Samu dai. Non devi per forza essere sempre impostato e rigido, se ogni tanto ti lasci andare non ti pensiamo meno ballerino, non perdono di significato i sacrifici che hai fatto in tutta la vita. Dai, tira giù.

Edoardo Stoppa: voto Predestinato. Il concorrente perfetto. Mai una parola fuori posto, mai uno sgarbo a qualcuno: Edoardo Stoppa ha condotto l’Isola come meglio non avrebbe potuto. E’ il vincitore morale di questa edizione del programma.

Matilde Brandi: voto Ma che ti è successo? Io speravo che l’avremmo vista protagonista di liti da pollaio, che ci avrebbe fatto sognare quasi quanto le irraggiungibili Aida Yespica e Antonella Elia. E invece? Niente. Un’educanda. Che amarezza.

Aras Senol: voto Minima spesa massima resa. Ancora oggi non riusciamo a capire la metà delle parole che può pronunciare in una frase, seppur breve, in italiano. Però è un bravo ragazzo. Quello lo abbiamo capito. Anche perché valli a fare i giochi di strategia capendo poco della lingua che parlano gli altri e facendoti capire ancora meno. Ha vinto di fatto quasi senza rendersene conto. Oh, contenti voi.

Edoardo Franco: voto Macchietta. Inizia il programma con la sua genuina semplicità e le sue battute fanno ridere: finalmente una persona "del popolo" all'interno di questo contesto. Poi capisce di funzionare e si trasforma in personaggio esasperando tutto e ritargliandosi un ruolo più da grillo parlante che da naufrago. Peccato che però la sua intenzione di diventare protagonista a tutti i costi diventi evidente. Occasione persa.  

Artur Dainese: voto Lo specialista. Nessuno ha mai detto che per andare avanti all'interno di uno show di sopravvivenza la caratteristica richiesta sia la simpatia. Anzi. L’importante è avere una strategia precisa e portarla avanti. Cosa che Artur Dainese ha fatto in modo impeccabile.

Rosanna Lodi: voto Azzeccagarbugli. Il suo ruolo è stato fondamentale. Per questo sarebbe stato giusto farla rimanere il più possibile all’interno del gioco. Almeno metteva zizzania. A caso e inutilmente, ma metteva zizzania. E ci faceva rimanere svegli.

Peppe Di Napoli: voto Chi? Viene introdotto come star del web, ma in realtà non si capisce quale sia il suo ruolo. Esce dall’Isola così come è entrato. Senza colpo ferire.

Valentina Vezzali: voto Sabbia nel letto. Simpatia portala via: il suo personaggio all’interno del surviving show di Canale 5 è evidentemente quello di una insostenibile. E infatti appena si può viene rispedita in Italia.

Joe Bastianich: voto LEgo. Nel doppio senso di Ego e di costruzione ovvero Lego. Non ha lasciato un segno in questa edizione del programma neanche usando un bastone sulla sabbia della playa. Della partecipazione di Joe Bastianich non c’è alcuna traccia. Anche perché ha detto talmente tante volte “Io” durante la sua permanenza in Honduras che ci ricordiamo a stento il suo nome. Il ballo dell’umiltè.

Francesco Benigno: voto “E’ stato già arrestato”. E’ una citazione da un momento televisivo cult di Maurizio Mosca, signor Benigno non faccia partire fantomatiche querele. Nessuno la vuole arrestare. E’ arrivato in Honduras con il ruolo di guastafeste, se ne è andato solo pochi giorni dopo nel silenzio di produzione, autori e conduzione. Poi la sua personalissima Isola dei Famosi è proseguita con stories e post dall’italiano zoppicante sui social network. Che imbarazzo. 

Greta Zuccarello e Khady Gueye: voto Ben Fatto. Entrambe hanno sfruttato al meglio l'opportunità di una vetrina televisiva come è stata quella del surviving show di Canale 5. Chiaramente anche loro sono già state dimenticate dal pubblico due ore dopo la loro uscita dall'Isola dei Famosi, ma di certo all'interno del gioco sono state fra le protagoniste assolute. A entrambe va un mio personale ringraziamento per aver animato le discussioni e avermi fatta rimanere sveglia in quel mare di noia che è stato l'Isola dei Famosi 2024.

Daniele Radini Tedeschi: voto Ma chi? Intendo: ma chi te l’ha chiesto di partecipare? Non ha fatto altro che criticare qualsiasi cosa di questo becero e ignobile mondo dello spettacolo. Poi qualche settimana dopo la sua uscita dall’Isola dei Famosi ha cercato di nuovo di farsi notare rivolgendosi ai mezzi di comunicazione. Ma non era allergico agli scenari patinati?

Dario Cassini: voto Delusione. La speranza era che la sua presenza in Honduras avrebbe dato una scossa al programma. Invece ha deciso di diventare il terzo opinionista dalla spiaggia. Venendo infatti eliminato dal pubblico alla prima occasione utile.

Karina Sapsai: voto Scheggia impazzita. Arrivata come una sconosciuta al grande pubblico, ha lasciato il surviving show di Canale 5 da sconosciuta al grande pubblico. Nel mezzo però ha fatto discutere, ha creato qualche dinamica. Insomma, il suo lo ha fatto.

Pietro Fanelli: voto Fiumi di parole. Sulla presenza, comprensibile quanto quella di Mattia De Sciglio fra i titolari della Juventus, di Pietro Fanelli all'Isola dei Famosi si potrebbe scrivere di tutto. Anche le idiozie che il suo personaggio - non la persona, ma il personaggio che si è creato per cercare di farsi spazio in tv - ha pronunciato si potrebbero commentare in ogni modo. Scelgo il silenzio. Per non infierire. Ci ha già pensato da solo.

Luce Caponegro, Sonny Olumati, Maitè Yanez, Francesca Bergesio, Marina Suma: voto Cocchi. De mamma. Inteso come “poverini che non avete avuto abbastanza tempo per dimostrare chi siete, venite qui e fatevi coccolare un po’”. 

Elenoire Casalegno: voto 92 minuti di applausi. Solo un grazie per lei. Anzi, migliaia di grazie. Perché se questa edizione del programma è rimasta a galla è merito suo, della sua professionalità, della sua capacità di capire tutte le situazioni e volgerle al meglio anche quando sembravano ristagnare nelle sabbie mobili del vuoto autorale. E merito della sua esperienza. Perché sì, l’esperienza nella conduzione conta. Ribadisco l’appello: datele un programma tutto suo da condurre. Una prima serata. Merita di stare al timone, non di tappare i buchi di chi al timone non riesce a rimanere.

Vladimir Luxuria: voto Seee lallero. Parafrasando Leonardo Bonucci e Giorgio Chiellini ai tempi della vittoria dell’Italia agli Europei, ne deve mangiare di pastasciutta per arrivare ad alti livelli. Spiace.

Dario Maltese e Sonia Bruganelli: voto Ma basta. Il loro ruolo come opinionisti è stato più vuoto del vuoto nel vuoto. Del tutto incapaci di reggere il programma anche solo per mezzo secondo. Meno male che è finita, adesso toglieteceli di torno del tutto però eh.