Gabriele Salvatore torna a parlare di supereroi (che assomigliano tanto agli X-Men): giovedì 4 gennaio esce nelle sale italiane 'Il ragazzo invisibile – Seconda generazione', capitolo 2 della sua personale saga dedicata agli “speciali”. Ecco tutto quello che possiamo anticipare senza cadere negli spoiler.

IL RAGAZZO INVISIBILE 2: COS'È

'Il ragazzo invisibile – Seconda generazione' mescola avventura e azione per raccontare una storia di formazione indirizzata soprattutto a un pubblico di adolescenti (come il protagonista). È anche il sequel del film che nel 2014 ha inaugurato la personale lettura dei supereroi effettuata dal regista, e premio Oscar, Gabriele Salvatores.

LA TRAMA
Michele Silenzi, il ragazzino che nel 2014 scopriva di potere diventare invisibile, è ormai diventato un sedicenne (lo interpreta ancora una volta Ludovico Girardello). Come molti ragazzi della sua età si barcamena fra rapporti complicati con gli adulti e amori non corrisposti con le coetanee. Si sente solo e incompreso, ma tutto cambia quando nella sua vita irrompono due donne: la sorella Natasha (Galatea Bellugi) e la madre biologica Yelena (Ksenia Rappoport), che lo trascinano in un'avventura pirotecnica, facendogli incontrare altri “speciali” come lui.

IL TRAILER


LA NASCITA DEL SEQUEL
Era chiaro sin dal 2014 che l'intenzione di Gabriele Salvatores era di realizzare una saga. Il primo film, però, non era andato benissimo al botteghino, riuscendo a incassare nelle sale 5,2 milioni di euro a fronte di un budget pari a otto. I successivi premi, compreso l'European Film Academy Young Award, hanno però lasciato intravedere la possibilità di un successo sul medio-lungo periodo. Il sequel è arrivato di conseguenza.

GLI EFFETTI SPECIALI
Quando ha iniziato a lavorare a 'Il ragazzo invisibile 2' Gabriele Salvatores ha deciso di affidare la supervisione degli effetti speciali a un nome di tutto rispetto: lo spagnolo Victor Perez, che ha in curriculum pellicole come 'Il Cavaliere Oscuro – Il ritorno', 'Rogue One: A Star Wars Story' e 'Pirati dei Caraibi – Oltre i confini del mare'.

IL PARERE DI CHI L'HA VISTO
I giornalisti che hanno potuto guardare 'Il ragazzo invisibile – Seconda generazione' in anteprima si sono divisi: c'è chi riconosce a Gabriele Salvatores di aver saputo gestire il film con la necessaria disinvoltura e di non aver edulcorato gli elementi più inquietanti della trama (ad esempio la tortura psicologica). C'è invece chi stigmatizza l'eccessiva somiglianza con quanto già visto e rivisto molte volte grazie ai film degli X-Men, con l'aggravante di non mettere in scena simili dicotomie morali. Infine, unanime è la critica al cast giovane, che ad eccezione di Galatea Bellugi non si rivela all'altezza.

Leggi anche:
- Mamma Mia 2, il trailer del sequel è zeppo di star
- Lo schiaccianoci, il trailer del nuovo film Disney
- Il vegetale, ecco il trailer del film con Rovazzi: fa ridere?