Pharrell Williams
Pharrell Williams
Pharrell Williams ha preso le distanze dalla canzone 'Blurred Lines', nata nel 2013 da una collaborazione con il cantante Robin Thicke e il rapper T.I. La ragione di questo ripensamento è che, a distanza di tempo, il musicista e produttore statunitense ha compreso che "viviamo in una cultura sciovinista. Non l'avevo capito, non avevo realizzato che alcune delle mie canzoni potessero alimentare questo atteggiamento".

Blurred Lines, la canzone e il videoclip

Già nel 2013 il brano aveva sollevato non poche critiche, in particolare dopo la diffusione del suo videoclip: ne esistono due versioni, una con le modelle Emily Ratajkowski, Jessi M'Bengue ed Elle Evans in topless e l'altra con le nudità coperte da abiti. Soprattutto la versione a seno scoperto aveva nutrito le polemiche di coloro che tentano di diffondere una cultura rispettosa nei confronti delle donne. A maggior ragione considerato uno dei passaggi del testo del brano: "I know you want it" ("So che lo desideri"), cantato con sguardo ammiccante dai tre uomini (vestitissimi) in scena.

Parlando con il magazine GQ, Pharrell ha confessato che in quel momento non capiva le critiche: "Non comprendevo dove nascesse il problema: c'erano molte donne che amavano la canzone e ne traevano una bella energia positiva. E 'I know you want it': le donne cantano sempre quel tipo di testi".

In una vecchia intervista del 2013 aveva spiegato il senso ultimo di quelle parole: "Il significato dell'intera canzone è che la protagonista è una brava ragazza e che anche le brave ragazze hanno dei desideri sessuali. È questo il confine sfocato che dà il titolo al brano".

Trascorso qualche anno ha però compreso che il linguaggio utilizzato nella canzone è anche quello al quale ricorrono alcuni uomini "quando approfittano di una donna, e non importa che questo non sia il mio modo di comportarmi, o il modo in cui ragiono e sto al mondo. Importa solo come colpisce le donne". Questa consapevolezza, confessa Pharrell, "mi ha fatto impazzire".

Per ripassare, ecco il videoclip (censurato)