Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
25 mag 2022

La marijuana legalizzata fa calare il consumo di alcol, farmaci e sigarette?

Uno studio ha evidenziato come la liberalizzazione dell’uso della marijuana per scopi terapeutici aiuti a frenare l’abuso di alcol, prodotti con nicotina e antidolorifici

25 mag 2022
L'ingresso di un coffee shop
L'ingresso di un coffee shop
L'ingresso di un coffee shop
L'ingresso di un coffee shop

Quando si depenalizza il consumo di marijuana, calano l'uso di alcol, l’abuso di antidolorifici e scende anche il consumo di sigarette fra gli adolescenti. Lo rivela un team di ricercatori della University of Washington in uno studio condotto sui giovani che vivono nello stato americano di Washington dopo la depenalizzazione dell’erba approvata nel 2012. La ricerca è stata pubblicata sul Journal of Adolescent Health. Sembra dunque che la legalizzazione dell’erba non conduca verso l’aumento dell’uso di sostanze stupefacenti, anzi. Uno studio, seppur limitato, che alimenta un dibattito molto sentito.

La marijuana non apre la strada alle droghe pesanti
Lo studio americano prova a sfatare il mito secondo il quale depenalizzare la marijuana ne fa aumentare l’utilizzo e amplia contestualmente l’uso di altre droghe, dell’alcol e dei farmaci antidolorifici.
Per provare la loro tesi, i ricercatori hanno analizzato i dati raccolti in alcuni sondaggi realizzati nello stato di Washington tra il 2014 e 2019. Le indagini sono state condotte su due gruppi diversi di giovani: quelli tra i 18 e i 20 anni e quelli tra i 21 e i 25, per un totale di 12.500 interviste totali.
Per valutare i risultati del sondaggio i ricercatori hanno precisato che l’uso di marijuana nello Stato di Washington (e la possibilità di bere alcolici) è consentita solo ai maggiori di 21 anni.

I risultati dello studio
Incrociando i dati dei due diversi gruppi di giovani, si è così scoperto che dopo la liberalizzazione dell’uso della marijuana erano calati, in media, sia il consumo di erba che quello di alcol. Allo stesso tempo erano scese le percentuali di utilizzo di farmaci antidolorifici e l’utilizzo di prodotti a base di nicotina diversi dalle sigarette elettroniche. Sorprendentemente, i ricercatori hanno scoperto che erano proprio questi nuovi strumenti ad essere maggiormente utilizzati dai giovani, probabilmente a causa della novità e non per la liberalizzazione dell’erba.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?