I Maneskin festeggiano a Rotterdam il successo all’Eurovision 2021
I Maneskin festeggiano a Rotterdam il successo all’Eurovision 2021

Si svolgerà a Torino, il prossimo maggio, l’Eurovision Song Contest. Il capoluogo piemontese, tra le 17 città candidate, è stato scelto per ospitare il più grande evento non sportivo al mondo, che torna in Italia dopo 31 anni grazie alla vittoria dei Maneskin. Una "grande sfida per il nostro Paese", secondo l’amministratore delegato della Rai Carlo Fuortes, mentre il supervisore esecutivo dell’Eurovision, Martin Österdahl, definisce quella della Mole "la città perfetta". Parole che riscattano le delusioni dei torinesi per gli appuntamenti mancati degli anni scorsi, dal no alle Olimpiadi invernali all’addio al Salone dell’Auto.

Sconfitte, tra le altre città, Milano, Bologna, Rimini e Pesaro, il 14 maggio Torino porterà la Grand Final della 66ª edizione della manifestazione – vinta quest’anno a Rotterdam dalla band italiana con la canzone Zitti e buoni che aveva trionfato al Festival di Sanremo – al Pala Alpitour. L’arena indoor tra le più grandi d’Italia realizzata dall’architetto giapponese Arata Isozaki per le Olimpiadi invernali del 2006 è la stessa che a novembre ospita la prima di cinque edizioni delle Atp Finals, tra i più prestigiosi tornei di tennis al mondo.

Dopo Napoli, nel 1965, e Roma, nel 1991, sarà la terza volta che l’Italia ospiterà l’appuntamento canoro, 190 milioni di spettatori quest’anno tra televisioni e online.