L'attrice Yulia Peresild
L'attrice Yulia Peresild

L'anno scorso Tom Cruise aveva annunciato di volere realizzare il primo film girato a bordo della Stazione Spaziale Internazionale: se mai il progetto vedrà la luce, sarà però il secondo lungometraggio girato nello spazio. Infatti una produzione russa ha battuto sul tempo gli statunitensi inviando sulla ISS l'attrice Yulia Peresild (nella foto) e il regista Klim Shipenko. I due stanno lavorando a 'La sfida', storia di una chirurga che parte per una missione spaziale di emergenza verso una stazione orbitale dove un cosmonauta necessita di urgenti cure mediche. Secondo quanto raccontato dall'agenzia spaziale russa Roscosmos, alcune scene e sequenze del lungometraggio, per un totale di circa 35-40 minuti di film, saranno ambientate a bordo della ISS e della capsula Soyuz, che ha portato attrice e regista nello spazio.


È russo il primo film di finzione girato nello spazio

Non è la prima volta che le telecamere girano per la ISS e infatti abbiamo già visto numerosi documentari che raccontano come si svolge la vita degli astronauti a bordo. Qui però parliamo di un film di finzione, che per sua natura necessita di un lavoro certosino sul set, allo scopo di ricostruire ciò che è stato preventivamente deciso in sceneggiatura. La presenza di un'attrice e un regista, senza altri membri del cast o della troupe, lascia intendere che l'impegno produttivo è stato ridotto al minimo, allo scopo di contenere le enormi difficoltà di girare nello spazio. In questo senso, il progetto di Tom Cruise potrebbe comunque rappresentare qualcosa di interessante: se non una prima volta assoluta, almeno un significativo passo in avanti. Cruise può infatti mettere in campo ingenti mezzi economici ed è spalleggiato dalla NASA e da SpaceX di Elon Musk.

Dal canto loro, l'attrice Yulia Peresild e il regista Klim Shipenko sono già a bordo della ISS e vi rimarranno per dodici giorni, dopo avere superato severe selezioni per verificare non solo le loro competenze artistiche, ma anche le condizioni fisiche e mentali. Secondo indiscrezioni, i due potranno contare su cameo dei cosmonauti russi attualmente presenti sulla Stazione Spaziale Internazionale.