Roma, 19 dicembre 2017 - Il post sui social media è sobrio ed essenziale anche se annuncia una bellissima onorificenza e un momento di gloria importante per la maison Gucci. All'Ambasciata di Francia a Roma, sotto gli alti e austeri soffitti di Palazzo Farnese, magnifico esempio di architettura rinascimentale,  davanti agli affreschi di Francesco Salviati nella Sala dei Fasti Farnesiani si è svolta ieri sera alle 18 e 30 la cerimonia di consegna della Lègion d'Honneur al presidente e Ceo di Gucci Marco Bizzarri che diventa così Cavaliere dell'Ordine Nazionale della Legion d'Onore. 

Ad appuntare al petto di Bizzarri la prestigiosissima onorificenza, la più alta della Repubblica Francese su decreto del presidente Macron, è stato l'ambasciatore francese Christian Masset che nel suo discorso, ripercorrendo la straordinaria carriera di Marco Bizzarri, ne ha elogiato i risultati strepitosi in Gucci, la sua tenacia, il suo coraggio e l'essere un infaticabile tessitore di rapporti positivi tra Italia e Francia.

Tutto sotto gli occhi di un ristrettissimo numero di amici e collaboratori, davanti alla moglie del supermanager Maristella Bizzarri e al presidente del Gruppo Kering Francois Henri Pinault visibilmente soddisfatto. Bizzarri, originario di Rubiera, è definito da tutti "il re del lusso" per le sue indubbie capacità e per il lavoro infaticabile e mirato che ha condotto negli ultimi tre anni per il rilancio davvero prodigioso della maison Gucci,  grazie al talento di Alessandro Michele scelto da lui stesso come direttore creativo di Gucci. E Alessandro Michele era anche lui presente alla cerimonia per la Légion istituita da Napoleone nel 1802: al termine ha abbracciato calorosamente Marco Bizzarri, e lo stesso ha fatto Pinault. Poi è seguita una elegante cena sotto gli affreschi della Galleria dei Carracci.