Foto: BalkansCat / iStock
Foto: BalkansCat / iStock

Le Olimpiadi vanno oltre lo sport: sono uno specchio del periodo in cui si svolgono e sono spesso contraddistinte da meravigliose storie di amicizia, rivalsa e lotta sociale. Proprio per questo, offrono grande ispirazione a registi, documentaristi e sceneggiatori che amano raccontare le gesta degli atleti che vanno fuori dall’ordinario. Vi consigliamo quindi sei film e documentari ideali per approcciarvi alla prossima edizione dei Giochi, che si svolgerà dal 23 luglio all’8 agosto nella capitale giapponese.

Momenti di gloria

“Momenti di gloria” (regia di Hugh Hudson) è un capolavoro del 1981 che vinse quattro Oscar e lasciò il segno anche grazie all’inconfondibile colonna sonora colonna sonora del compositore greco Vangelis. Il film è incentrato sulla storia Eric Liddell e Harold Abrahams, due velocisti britannici che parteciparono alle Olimpiadi di Parigi 1924. Liddell, cristiano, concepiva la corsa come un modo per omaggiare Dio; Abrahams, ebreo, come mezzo per ribellarsi al contesto snob e patinato in cui è sempre cresciuto. Entrambi, però, erano accomunati da un talento straordinario e uniti da un’amicizia speciale. “Momenti di gloria” è disponibile in streaming a noleggio su YouTube, Google Play, iTunes e CHILI.
 

Prefontaine

Uscito nel 1997 e diretto da Steve James, il film racconta le gesta di Steve Prefontaine, mezzofondista statunitense che alle Olimpiadi di Monaco 1972 arrivò quarto nei 5000 metri piani. Perché divenne così famoso per un quarto posto? Prefontaine si approcciò a quella gara con tanta follia e poca tattica, spingendo il gruppo e conducendo per quasi tutta la corsa. Nell’ultimo tratto di pista, però, venne superato dinnanzi all’incredulità del pubblico. Prefontaine era un personaggio controverso, testardo e impulsivo: l’identikit perfetto per dedicargli un film da non perdere. È disponibile in streaming a noleggio su Google Play e si può acquistare in DVD o Blu-ray su Amazon.


The Weight of Gold

“The Weight of Gold” è disponibile solo in lingua inglese, ma vale la pena fare uno sforzo in più per goderselo dall’inizio alla fine. Si tratta di un documentario uscito nel periodo in cui è stato ufficializzato il rinvio dei Giochi di Tokyo 2020 a causa della pandemia: un momento di pausa che è servito per riflettere sulla salute mentale dei grandi atleti di fama internazionale, spesso visti (erroneamente) come dei supereroi che non sono. È proprio questo il tema trattato da “The Weight of Gold”, il peso dell’oro, diretto da Brett Rapkin e prodotto dal celebre nuotatore Michael Phelps. Il documentario è ricco di testimonianze di atleti olimpici alle prese con problemi di salute mentale: da Michael Phelps a David Boudia, passando per Apolo Ohno, Shaun White e Lolo Jones. “The Weight of Gold” è disponibile in streaming sul sito dell’emittente televisiva statunitense HBO.
 

Race - Il colore della vittoria

Jesse Owens, alle Olimpiadi di Berlino 1936, vinse la medaglia d’oro nel salto in lungo davanti allo sguardo di Adolf Hitler, presente sugli spalti per tifare il tedesco Luz Long (battuto in finale da Owens). Il velocista e lunghista afroamericano, sempre a Berlino, conquistò l’oro nei 100 metri, nei 200 metri e nella staffetta 4x100 metri. Basta questo per definire la grandezza di Jesse Owens, la cui vita e carriera sportiva è narrata in modo avvincente in “Race - Il colore della vittoria”, uscito nel 2016 e diretto da Stephen Hopkins. L’atleta ha dovuto lottare per tutta la vita contro il razzismo, che all’epoca era dilagante e intriso in ogni angolo della società. Per questo motivo, le sue imprese acquisirono un significato molto più profondo. Il film è disponibile su Amazon Prime Video e si può noleggiare su YouTube, iTunes, Google Play e CHILI.
 

Unbroken

Non solo Jesse Owens: le Olimpiadi di Berlino 196 verranno per sempre ricordate anche grazie alla storia di Louis Zamperini, a cui è dedicato questo film del 2014 prodotto e diretto da Angelina Jolie. Zamperini, italo-americano, ha vissuto due vite: quella da atleta olimpico (era un mezzofondista), iniziata quasi per caso durante un momento molto difficile per la sua adolescenza, e quella da eroe di guerra. Il film, infatti, inizia con Zamperini all’interno di un B-24 dell'aviazione statunitense durante i bombardamenti dell'isola giapponese di Nauru nel 1943. Una storia a dir poco appassionante, valorizzata dalle ottime doti dell’attore britannico Jack O'Connell, che ha interpretato Zamperini. “Unbroken” è disponibile su Netflix e si può noleggiare su YouTube, iTunes, Google Play e CHILI.
 

Rising Phoenix – La storia delle Paralimpiadi

Un docufilm Netflix che ripercorre - partendo dal secondo dopoguerra - la storia delle Paralimpiadi, una manifestazione sportiva in grado di valorizzare le diversità e le qualità degli atleti e delle atlete con disabilità fisiche. Tra i protagonisti c’è anche Bebe Vio, campionessa mondiale ed europea in carica di fioretto individuale paralimpico.