Un'immagine di "Egg", di Martina Scarpelli
Un'immagine di "Egg", di Martina Scarpelli

18 giugno 2018 - Il lungometraggio animato "Gatta Cenerentola" (prodotto da Mad e diretto da Alessandro Rak, Ivan Cappiello, Marino Guarnieri e Dario Sansone) non ha vinto premi al Festival di Annecy (In Francia, Alta Savoia) ma è stato sicuramente tra i protagonisti della grande rassegna internazionale di animazione. Riflettori puntati anche sul work in progress della "Famosa invasione degli Orsi in Sicilia", tratto dal racconto di Dino Buzzati e portato in cartoon da Lorenzo Mattotti.

In quanto ai premi, però, le soddisfazioni all'Italia arrivano da due giovani autrici, un segnale importante per il futuro della nostra animazione, anche se entrambi i loro cortometraggi sono prodotti all'estero e questo è un aspetto sul quale meditare. Comunque, il premio della giuria  per i film di diploma è andato a Lucia Bulgheroni, varesina e studentessa della NFTS (National Film and Television School) con il suo onirico Inanimate, film in stop motion in cui la protagonista prende coscienza del suo essere un pupazzo manipolato da esseri invisibili, gli animatori. 

Il premio "Jean-Luc Xiberras" per il primo film, è andato a Martina Scarpelli per Egg , film prodotto dalla Francia e dalla Danimarca, che visualizza i tormenti di una donna anoressica nel suo rapporto col corpo e col cibo. Una bella soddisfazione anche per Il "Centro sperimentale di cinematografia - Animazione" dove Scarpelli ha studiato. 

Proprio il Csc vivrà venerdì 22 giugno la giornata dedicata alla consegna dei diplomi in animazione, presentando i 17 diplomati e la produzione dei cortometraggi. Sarà anche l'occasione per celebrare con un diploma "honoris causa" due grandi nomi dell'animazione italiana: Gibba (pseudonimo di Francesco Maurizio Guido, autentico pionere del cartone animato di cui sarà mostrato il cortometraggio del 1946 "L'ultimo Sciuscià" e Michel Fuzellier, regista di "Iqbal", che presenterà un'antologia dei suoi lavori maggiormente rappresentativi .