Los Angeles, 28 gennaio 2021 - Addio a Cloris Leachman, l'attrice che impersonò la famosa Frau Blücher del film cult "Frankenstein Junior", scritto e interpretato da Gene Wilder e diretto da Mel Brooks. Ed è proprio il regista a dare la triste notizia della sua morte: "Ogni volta che sento un cavallo nitrire penserò per sempre all'indimenticabile Frau Blücher di Cloris. È insostituibile e ci mancherà moltissimo", ha scritto su Twitter Brooks. Cloris si è spenta per cause naturali martedì a Encinitas, in California. Aveva 94 anni.

Il tweet di Mel Brooks su Cloris Leachman

Ma Cloris Leachman non è stata solo la divertentissima governante tedesca che fa impazzire Gene Wilder, fu anche in carriera premiata con un Oscar e ben 8 Emmy (Assieme a Julia Louis-Dreyfus detiene il record come attrice con più Emmy Awards vinti nella storia).

In Italia la si ricorda anche per la parte di Phyllis Lindstrom, un amica un po' nevrotica di Mary Tyler Moore, nella sitcom "The Mary Tyler Moore Show". Proprio il personaggio di Phyllis, che lei sosteneva simile a lei nella realtà, ha regalato all'attrice sei Emmy (Altri due li ha ricevuti di recente come Ida, la madre di Lois in "Malcolm" o "Malcolm in the Middle").

Cloris Leachman con Mary Tyler Moore

Ma la sua carriera era iniziata diversamente: nel 1946, a vent'anni, tentò di diventare Miss America, dopo aver vinto il concorso di Miss Chicago. Quindi le si spalancarono le porte del mondo dello spettacolo e esordì sul grande schermo come una femme fatale nel noir "Un bacio e una pistola", diretto da Robert Aldrich nel 1955. E fu subito un  cult per lei, e favorì la sua carriera che proseguì con "Supplizio" (1956) di Arnold Laven, con Paul Newman, e "Sessualità! (1962) di George Cukor. 

Ha partecipato ad altri film famosi come "Butch Cassidy" (1969), con protagonisti Paul Newman e Robert Redford, "Amanti ed altri estranei" (1970) di Cy Howard e "Un uomo oggi" (1970) con il ruolo dell'amica paralitica della suicida Joanne Woodward, e fu nuovamente accanto a Newman.

Uno dei sui più grandi successi arriva nel 1971 con la raffinata Ruth Popper in "L'ultimo spettacolo" di Peter Bogdanovich: l'anno successivo è premio Oscar come miglior attrice non protagonista.

Nel 1974 Mel Brooks la volle, e la rese indimenticabile a livello internazionale, nel ruolo di Frau Blücher. 

Fu anche la divertente Fratella Charlotte Diesel (nella versione italiana è stato reso il suo ruolo di Nurse Diesel) in Alta tensione (1977), sempre con Brooks. Poi ancora con Bogdanovich in "Daisy Miller" (1974) e "Texasville" (1990). 

Con "La pazza storia del mondo" (1981) continuò la sua collaborazione con Brooks. Lavorò anche con la Disney: "Herbie sbarca in Messico" sequel di una pellicola di successo del 1968 sul maggiolone.

Attiva anche in teatro Cloris Leachman, nel 1980 ricevette una stella sulla Hollywood Walk of Fame.