Shia LaBeouf
Shia LaBeouf

La carriera dell'attore Shia LaBeouf si è impantanata, per colpa soprattutto del suo cattivo carattere, ma il regista e sceneggiatore Abel Ferrara, uno dei grandi vecchi del cinema indipendente statunitense, ha deciso di offrirgli la possibilità di un ritorno in grande stile: l'ha infatti scritturato per interpretare Padre Pio nel suo prossimo film. Secondo quanto dichiarato dal cineasta, anche Willem Dafoe ha una parte nel lungometraggio, ma non ha rivelato quale.


Shia LaBeouf e Abel Ferrara per un film su Padre Pio

Il lungometraggio, che ancora non ha un titolo ufficiale, racconterà gli anni giovanili del monaco, quando comparvero per la prima volta le stigmate: siamo nel periodo immediatamente successivo alla prima guerra mondiale, un momento "particolarmente denso di significato politico per la storia del mondo" (parole di Abel Ferrara raccolte da Variety). Secondo quanto detto da Ferrara all'ANSA, che l'ha intercettato nel corso del Locarno Film Festival in corso: "Mi concentrerò su quando a San Giovanni Rotondo ci fu un massacro" (era il 1920).

Le riprese inizieranno nel tardo ottobre 2021, con location in Puglia e un budget di produzione "più grande di molti dei miei lavori recenti". Tra l'altro, a titolo di curiosità segnaliamo che Abel Ferrara aveva già dedicato a Padre Pio un cortometraggio documentario, dunque la storia del santo gli ronza nella testa da qualche tempo.

Le difficoltà di Shia LaBeouf

Californiano classe 1986, Shia LaBeouf ha visto la propria carriera decollare a metà degli anni Duemila, quando è comparso in film come 'Io, Robot', 'Constantine' e 'Disturbia'. La fama planetaria è arrivata grazie alla saga dei 'Transformers' e a 'Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo', poi però le cose hanno iniziato a incepparsi e molti dei film successivi hanno rappresentato una sorta di retrocessione, in termini di peso specifico all'interno di Hollywood. Colpa di un carattere spigoloso, che rendeva difficile il lavoro sul set, e più recentemente delle accuse di abusi fisici rivoltegli dalla ex compagna FKA Twigs, che hanno portato all'abbandono di CAA, importante agenzia che rappresenta gli artisti, e alla decisione di prendersi una pausa dalla recitazione. Il ruolo di Padre Pio, dunque, rappresenta un ritorno sotto i riflettori.