Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
1 giu 2022

Star Wars, attacchi razzisti a Moses Ingram: interviene Ewan McGregor

Dopo l'uscita della serie TV 'Obi-Wan Kenobi' l'attrice è stata insultata sui social, ma ha ricevuto il sostegno dei colleghi e dei fan

1 giu 2022
Moses Ingram nella miniserie 'Obi-Wan Kenobi' - Foto: Lucasfilm
Moses Ingram nella miniserie 'Obi-Wan Kenobi' - Foto: Lucasfilm
Moses Ingram nella miniserie 'Obi-Wan Kenobi' - Foto: Lucasfilm
Moses Ingram nella miniserie 'Obi-Wan Kenobi' - Foto: Lucasfilm

Il 27 maggio sono usciti su Disney+ i primi due episodi della miniserie 'Obi-Wan Kenobi', facendo segnare il migliore esordio di sempre per uno show in streaming di 'Star Wars'. Una buona notizia che è stata offuscata dagli insulti razzisti e dalle minacce ricevute sui social dall'attrice statunitense Moses Ingram, che interpreta l'Inquisitore Sith Reva Sevander. Subito il canali internet di Lucasfilm hanno manifestato il loro sostegno nei confronti di Ingram e poche ore fa si è unito al coro anche Ewan McGregor, interprete del maestro jedi Obi-Wan e produttore esecutivo dello show.

Per approfondire: 'Obi-Wan Kenobi', finalmente su Disney+ la serie TV col maestro jedi

GLI INSULTI RAZZISTI A MOSES INGRAM
Difficile quantificare quale percentuale di utenti Internet ha attaccato Moses Ingram, ma in ogni caso c'è chi l'ha fatto e, anche approfittando dell'anonimato, ha utilizzato parole violente, arrivando pure a minacciarla di morte. La natura razzista dei messaggi postati è stata evidente e dichiarata, dunque nessun dubbio che sono stati motivati dal colore della pelle dell'attrice (il grosso dei post insultanti pare arrivare dagli USA).

La stessa Ingram ha utilizzato il proprio account Instagram per stigmatizzare quanto stava accadendo. Vi si legge: "La cosa che mi infastidisce è questa reazione istintiva, che nessuno mi ha imposto di avere, ma che mi spinge a pensare che dovrei tacere e abbozzare, che dovrei sorridere e sopportare. E io non sono fatta così. Quindi volevo ringraziare le persone che sono intervenute in mia difesa. E volevo dire agli altri che siete tutti strani".

LA DIFESA DI STAR WARS ED EWAN MCGREGOR
Qualche ora dopo l'account Intagram di Star Wars ha postato una risposta ufficiale, nella quale si legge: "Siamo orgogliosi di accogliere Moses Ingram nella nostra famiglia e non vediamo l'ora di sapere come evolve la storia di Reva. Se qualcuno intende farla sentire in qualche modo indesiderata, abbiamo una sola cosa da dire: noi resistiamo". E nel post si sottolinea che "ci sono oltre 20 milioni di specie senzienti nella galassia di Star Wars", dunque l'invito è: "Non scegliere di essere razzista".

Poco tempo dopo è arrivato il post su Twitter di Ewan McGregor, che ha ricordato l'esordio record di 'Obi-Wan Kenobi' e ha poi detto: "Sembra che alcuni elementi della fan base abbiano deciso di attaccare Moses Ingram online e di inviarle messaggi orrendi e razzisti. Ho ascoltato alcuni di essi questa mattina e mi si è spezzato il cuore. Moses è un'attrice brillante, una donna brillante ed è assolutamente fantastica in questa serie. Il suo contributo alla serie e al franchise è molto grande e quello che sta succedendo mi fa male. Come attore protagonista e produttore esecutivo della serie, voglio dire che siamo dalla parte di Moses. Amiamo Moses. E se la fai oggetto di bullismo, allora per quanto mi riguarda non sei un fan di Star Wars. Non c'è posto per il razzismo in questo mondo. E sono al 100% con Moses".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?