C'è un legame tra l'infertilità umana e quella canina
C'è un legame tra l'infertilità umana e quella canina
Le case in cui viviamo e il cibo che mangiamo contengono composti chimici che compromettono la fertilità maschile, tanto nei cani quanto nei loro padroni. A suggerirlo è un recentissimo studio a cura della University of Nottingham, che ha indagato sul costante declino degli spermatozoi negli esseri umani, confermando i sospetti che già c'erano nei confronti di alcuni contaminanti.

SPERMATOZOI IN AFFANNO
La ricerca pubblicata su Scientific Reports parte da alcune osservazioni raccolte in passato dallo stesso team, che suggerivano una corrispondenza tra la salute degli spermatozoi umani e quelli dei relativi amici a quattro zampe. Testando i campioni di sperma di 11 uomini e 9 cani provenienti dalla stessa area geografica, i biologi hanno ora identificato due sostanze chimiche di produzione industriale, comunemente presenti negli ambienti domestici e nei cibi, i cui effetti nocivi colpiscono in uguale misura l'apparato riproduttivo degli uomini e dei cani.

COSA SONO QUESTE SOSTANZE
Una è il diottilftalato, un plastificante noto anche con la sigla DEHP, che è presente ad esempio in tappeti, pavimenti, vestiti e giocattoli, e che può finire facilmente in alimenti e bevande. L'altra è il PB153, un composto aromatico della famiglia dei policlorobifenili, composti organici usati in molti prodotti (vernici, antiparassitari, isolanti) fin dagli anni '30, ma ormai quasi del tutto banditi per la loro tossicità.

UNA MINACCIA PER LA FERTILITÀ
A concentrazioni che si riscontrano di norma tra le mura domestiche, il team britannico ha dimostrato che i due contaminanti danneggiano lo sperma di animali e padroni, riducendo la mobilita degli spermatozoi e incrementando la frammentazione del DNA. Si tratta in entrambi i casi di fattori che rientrano nelle possibili cause dell'infertilità maschile.

DAL CANE ALL'UOMO, IL PASSO È BREVE
Gli autori sottolineano che i risultati di questo nuovo lavoro supportano la teoria secondo cui il cane domestico sarebbe "una sentinella o uno specchio del declino riproduttivo maschile umano". Lo studio suggerisce insomma la possibilità di sfruttare gli animali per comprendere come l'inquinamento ostacoli la fertilità. Con due vantaggi: evitare diagnosi che portano disagio psicologico e ottenere dati più attendibili, in quanto certi fattori esterni (come ad esempio la dieta) sono più facili da controllare nei cani che negli uomini.