Quando gli animali disturbano i fotografi
Quando gli animali disturbano i fotografi

Noi vediamo solo le splendide immagini finali, ma dietro a ogni singola fotografia degli animali selvatici c'è un lavoro enorme. L'attività sul campo dei documentaristi è tanto appassionante, quanto estenuante: per uno scatto memorabile possono servire giorni di appostamento nel caldo torrido o al gelo, sotto il sole o in mezzo alle intemperie. Avevamo già raccontato ad esempio di quel fotografo indiano che ha trascorso dodici ore al giorno per più di due anni nella foresta, a caccia di una rarissima e sfuggente pantera nera. Alla fine ne è valsa la pena, ma che fatica.

Capita poi che i soggetti non solo non collaborino, ma diventino disturbatori attivi. L'utente di Twitter Joaquim Campa ha raccolto in un thread una serie di divertenti fotografie di animali irresistibilmente attratti da quei curiosi esseri umani con in mano quegli strani oggetti e che reagiscono agli intrusi in vari modi: rapaci che attaccano, volpi, marmotte e foche che si impicciano, scoiattoli che fanno una pausa seduti nel teleobiettivo, pinguini e scimmie che a loro volta si improvvisano fotografi.

Una nota: lo scatto della troupe in fuga dall'orso, inserita nel thread, in realtà è un noto fotomontaggio di qualche anno fa che ogni tanto si riaffaccia in Rete.