Domenica 21 Aprile 2024

Il presidente brasiliano Lula fa infuriare il premier israeliano Netanyahu

Il leader sudamericano: “A Gaza genocidio, quello che accade ai palestinesi succedeva agli ebrei con Hitler”. E sulla morte di Navalny: “Perché questa fretta di accusare qualcuno?”

Rio de Janeiro, 18 febbraio 2024 – Durissimo scontro tra il presidente brasiliano, Luiz Inácio Lula da Silva, e il premier israeliano Benyamin Netanyahu.

Per iscriverti al canale WhatsApp di Qn clicca qui

Lula: il genocidio e Hitler

Lula ha affermato ad Addis Abeba che “quello che sta accadendo nella Striscia di Gaza non è una guerra, ma un genocidio” ed ha fatto riferimento alle azioni di Adolf Hitler contro gli ebrei. “Ciò che sta accadendo al popolo palestinese nella Striscia di Gaza non è esistito in nessun altro momento storico. In effetti, esisteva. Quando Hitler decise di uccidere gli ebrei”, ha detto durante la conferenza stampa che ha concluso il suo viaggio in Etiopia.

Lula in Etiopia (Ansa)
Lula in Etiopia (Ansa)

Netanyahu e la “linea rossa”

La replica è arrivata con toni altrettanto forti: “Le frasi pronunciate dal presidente del Brasile sono vergognose e gravi. Sminuiscono la Shoah e rappresentano un tentativo di colpire il popolo ebraico e il diritto di Israele alla difesa”, ha detto Netanyahu. “Il suo paragone fra Israele da un lato e la Shoah dei nazisti e Hitler dall'altro - ha aggiunto - varca una 'linea rossa’”. E ha concluso: “Assieme con il ministro degli esteri Israel Katz abbiamo deciso di convocare immediatamente l'ambasciatore del Brasile per esprimergli immediatamente il nostro biasimo”.

Il premier israeliano Benyamin Netanyahu (Ansa)
Il premier israeliano Benyamin Netanyahu (Ansa)

Cosa ha detto Lula su Navalny

Ma Lula non ha parlato solo di Medio Oriente. Intervenendo sempre dall’Etiopia il presidente brasiliano, ha parlato per la prima volta della morte di Alexei Navalny, considerato il principale oppositore del presidente russo Vladimir Putin e deceduto venerdì scorso in una prigione della Siberia. “Perché questa fretta di accusare qualcuno?”, ha detto il capo dello Stato. “Se una morte è sospetta, bisogna prima svolgere indagini per scoprire la causa. Altrimenti uno giudica in anticipo che qualcuno ha ordinato l'omicidio. E se non è stato lui, gli chiedi scusa dopo?”, ha affermato Lula. “Quindi, (Navalny) è morto in prigione. Non so se era malato, se aveva problemi”, ha continuato il leader progressista. “Capisco anche gli interessi di chi accusa subito. Ma non è questo il mio motto. Io preferisco attendere il referto del medico legale”, ha concluso Lula.

Una donna a Berlino mostra la foto di Navalny davanti all'ambasciata russa (Ansa)
Una donna a Berlino mostra la foto di Navalny davanti all'ambasciata russa (Ansa)