Mercoledì 24 Aprile 2024

Rave party, Meloni: "Fiera di questa norma". Ma Forza Italia chiederà di correggerla

La premier rivendica il decreto: "L'Italia non sarà più maglia nera in tema di sicurezza". E Mollicone (FdI): "Si applica anche ai palazzi occupati". Il ministro Nordio: "Non incide su libera espressione, il Parlamento potrà modificarla". Mulé (FI): "Presenteremo emendamenti"

Roma, 2 novembre 2022 - "Ho letto diverse dichiarazioni in merito alle misure prese in Consiglio dei Ministri sui cosiddetti rave party abusivi. Innanzitutto vorrei dire che è una norma che rivendico e di cui vado fiera perché l’Italia - dopo anni di governi che hanno chinato la testa di fronte all’illegalità - non sarà più maglia nera in tema di sicurezza". Replicando alle critiche di opposizione e giuristiGiorgia Meloni rivendica il decreto appena varato dal suo governo e lo fa attraverso un post su Facebook nel giorno del giuramento dei sottosegretari. "È giusto perseguire coloro che partecipano ai rave illegali nei quali vengono occupate abusivamente aree private o pubbliche, senza rispettare nessuna norma di sicurezza e, per di più, favorendo spaccio e uso di droghe. Le strumentalizzazioni sul diritto a manifestare lasciano il tempo che trovano  ma vorrei rassicurare tutti i cittadini, qualora ce ne fosse bisogno, che non negheremo a nessuno di esprimere il dissenso".

Col decreto Rave centri sociali a rischio: arrivano i correttivi

Per il deputato Federico Mollicone (Fratelli d'Italia), il campo di applicazione del provvedimento si allarga "giustamente ai palazzi occupati pubblici o privati come accade a Roma, Capitale d'Italia del Sindaco Gualtieri, penso al centro storico, all'Esquilino, dove c'è lo Spin Lab, dove facevano le feste di Capodanno a pagamento, per lucro, senza misure di sicurezza, tre piani sotto terra", dice in collegamento con l'Aria che Tira su la7. 

Forza Italia: correggere la norma in Aula

Sul decreto però la maggioranza non è compatta. "I gruppi di Forza Italia a Camera e Senato presenteranno emendamenti per correggere la norma", fa sapere il vice presidente della Camera Giorgio Mulé, che ha parlato nel podcast Metropolis. Ed è in particolare a palazzo Madama, dove i numeri della maggioranza sono più ballerini, che Forza Italia punta a far sentire la propria voce. Già il sottosegretario forzista alla Giustizia, Francesco Paolo Sisto, spiegava che "il Parlamento potrà e forse dovrà in qualche maniera intervenire nella discussione sulla conversione del decreto legge. Bisogna evitare assolutamente una norma che possa, anche intuitivamente, essere applicata alla legittima manifestazione di un dissenso". 

Meloni: "Formato governo inattaccabile e serio. Con Salvini rapporto nuovo"

 La premier Giorgia Meloni durante il giuramento dei sottosegretari
La premier Giorgia Meloni durante il giuramento dei sottosegretari

Nordio: "Non incide su libera espressione" 

La possibilità di correggere il decreto in Aula è ventilata anche dallo stesso il ministro della Giustizia Carlo Nordio, chiamato in causa dalle opposizioni: "La norma - spiega Nordio - tutela i beni giuridici dell'incolumità e della salute pubblica, nel momento in cui questi beni sono esposti ad un pericolo. Essa non incide, né potrebbe incidere minimamente sui sacrosanti diritti della libera espressione del pensiero e della libera riunione, quale che sia il numero dei partecipanti. La sua formulazione complessa è sottoposta al vaglio del Parlamento, al quale è devoluta la funzione di approvarla o modificarla secondo le sue intenzioni sovrane". 

Gli attacchi delle opposizioni

"I rave non c'entrano nulla con una norma simile - scriveva ieri sera sui social il segretario del Partito Democratico, Enrico Letta -.È la libertà dei cittadini che così viene messa in discussione". Di "Stato di polizia" parla anche il leader del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte, che dedica alla norma un lungo post su Facebook. "Il modo con cui si è intervenuti è raccapricciante - afferma l'ex premier -. Viene punito, sino a 6 anni, chi promuove, ma anche chi partecipa" al raduno. 

"La norma, per come è scritta, potrà essere applicata anche ai picchetti degli operai fuori dalle fabbriche, alle occupazioni scolastiche e universitarie da parte degli studenti e potenzialmente a qualsiasi forma di manifestazione - fa notare oggi Stefania Ascari, deputata M5s -. I rave party sono un pretesto". 

"Non c'è un solo giurista in Italia che sia favorevole al provvedimento; il nuovo reato può colpire chiunque organizza manifestazioni e proteste e la materia penale non si regola per decreto" twitta  Laura Boldrini, deputata del Partito Democratico. Critiche anche da Andrea Martella, senatore e segretario regionale veneto del Pd: ''Il caso di Modena è stato gestito brillantemente dai funzionari dello Stato e attraverso la normativa vigente. Non si capisce dunque quali emergenze abbiano motivato questo decreto che peraltro può prestarsi ad interpretazioni arbitrarie".