Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
7 giu 2022

Bonus 200 euro, cosa fare per averlo. Ecco chi deve presentare domanda

I lavoratori dipendenti lo riceveranno in busta paga a luglio, ma serve comunque un'autodichiarazione. C'è invece chi dovrà richiederlo

7 giu 2022
featured image
Bonus 200 euro in arrivo a luglio
featured image
Bonus 200 euro in arrivo a luglio

Roma, 7 giugno 2022 - Conto alla rovescia per il bonus da 200 euro previsto dal 'decreto Aiuti'. Ma c'è a chi arriverà in maniera automatica nella busta paga di luglio e chi, invece, dovrà fare domanda all'Inps se vuole beneficiare del provvedimento. Ecco quali sono le categorie che ne hanno diritto e come funziona l'erogazione.

Approfondisci:

Bonus 200 euro: l'autocertificazione in Pdf. Il passaggio chiave per ottenerlo

Benzina: prezzo aumenta. I dettagli di diesel, gpl e metano

Che cos'è e a chi spetta

Il bonus 200 euro è un'indennità una tantum, ovvero un pagamento a carattere straordinario fatto “per una volta soltanto”, previsto dagli artt. 31 e 32 del d.l. 50/2022, il decreto Aiuti. Il provvedimento coinvolge una platea di 31,5 milioni di beneficiari, con un onere di 6,3 miliardi di euro per lo Stato. Sono destinatari tutti i lavoratori con contratto di lavoro dipendente e i pensionati, ma anche disoccupati, lavoratori autonomi, domestici e percettori di reddito di cittadinanza con ISEE non superiore ai 35.000 euro. Sono esentati dai limiti di reddito coloro che hanno in precedenza beneficiato di indennità connesse alla pandemia di Covid-19, i percettori di NaSPI o disoccupazione agricola, i venditori a domicilio e i lavoratori occasionali. 

Bonus 200 euro dipendenti: chi resta fuori

A chi viene data in busta paga

L'indennità viene erogata automaticamente a:

  • lavoratori dipendenti "per il tramite dei datori di lavoro nella retribuzione erogata nel mese di luglio 2022", che però devono presentare una dichiarazione in cui confermano di non riceverlo in altra forma;
  • pensionati, che lo ottengono nella pensione di luglio 2022;
  • percettori di NaSPI, DIS-COLL e disoccupazione agricola lo ricevono dall’Inps;
  • lavoratori che nel corso del 2021 hanno ricevuto il bonus 2.400 euro del primo DL Sostegni allo stesso modo lo ottengono automaticamente tramite Inps;
  • beneficiari del reddito di cittadinanza lo ricevono con la mensilità di luglio 2022 solo se i componenti del nucleo familiare non hanno diritto alla stessa forma di aiuto in quanto appartenenti ad altre categorie di destinatari.

Chi deve fare domanda

Alle categorie seguenti, invece, il bonus viene erogato dall'Inps ma solo su presentazione di una domanda:

  • lavoratori domestici, che devono rivolgersi agli Istituti di Patronato;
  • titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa;
  • lavoratori stagionali, a tempo determinato e intermittenti;
  • lavoratori iscritti al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo;
  • lavoratori autonomi privi di partita IVA;
  • incaricati alle vendite a domicilio.

Le tempistiche e le modalità di presentazione della domanda verranno stabilite da un'apposita circolare dell'Inps

Che cos'è l'autodichiarazione e chi la deve presentare

Sebbene i lavoratori dipendenti non debbano presentare domanda all'Inps, devono comunque consegnare un'autodichiarazione al datore di lavoro per "sbloccare" l'erogazione del bonus. Nell'autodichiarazione deve risultare che il lavoratore dipendente non percepisce già l'indennità facendo parte di un'altra categoria destinataria del provvedimento, siccome il bonus può essere erogato solo una volta. Per ora non ci sono indicazioni specifiche su tempistiche e modalità; potrebbero arrivare dall'Inps tramite una circolare, o direttamente dal datore di lavoro

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?