Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
24 mag 2022

Bonus 200 euro dipendenti: a chi spetta. Nuova regola, ecco chi resta fuori

Indennità una tantum solo per i lavoratori che da gennaio ad aprile 2022 hanno beneficiato della riduzione contributiva dello 0,80%

24 mag 2022

Roma, 24 maggio 2022 - Non tutti i lavoratori dipendenti vedranno corrispondersi il bonus 200 euro nella busta paga di luglio. L'indennità una tantum prevista nel Decreto Aiuti, pubblicato in Gazzetta Ufficiale lo scorso 18 maggio, sembrava inizialmente desinata a tutti i dipendenti (pubblici e privati) con un reddito lordo inferiore a 35mila euro. In realtà il Governo, per identificare i beneficiari del bonus da 200 euro, non ha usato un parametro che si riferisce al reddito e alla retribuzione lorda dei lavoratori, ma ha creato un'altra regola. Ecco quali dipendenti vedranno comparire nella busta paga il bonus da 200 euro netti.

Approfondisci:

Bonus 200 euro: l'autocertificazione in Pdf. Il passaggio chiave per ottenerlo

Approfondisci:

Pignoramenti presso terzi, dal 22 giugno cambiano le regole: 5 domande all'avvocato

Riduzione contributiva dello 0,80%

La parola magica è riduzione contributiva dello 0,80%. Potranno ottenere il bonus da 200 euro soltanto i lavoratori dipendenti che, nel corso del primo quadrimestre del 2022 (ovvero in almeno un mese da gennaio ad aprile), hanno beneficiato della riduzione contributiva dello 0,80%, prevista dalla legge di Bilancio 2022. Attenzione quindi: ci saranno dei lavoratori che, pur avendo un reddito lordo annuo inferiore a 35mila euro, non avranno l'indennità una tantum versata sullo stipendio di luglio.

Approfondisci:

Bonus psicologo, Speranza ha firmato il decreto. Fasce di reddito e scadenze, cosa sapere

Casi particolari

La riduzione contributiva dello 0,80% si attiva se la retribuzione imponibile previdenziale nel mese non supera i 2.692 euro (non viene preso in considerazione il mese di dicembre, il cui limite è doppio). Possibile che si verifichino casi limite e particolari. Quali? Ad esempio, un lavoratore che mensilmente percepisce una retribuzione superiore, potrebbe in uno dei primi quattro mesi del 2022 aver avuto un cedolino con un imonibile previdenziale inferiore a 2.692 euro. Avendo quindi in questo caso il datore di lavoro riconosciuto la riduzione contributiva dello 0,80%, il dipendente diventerebbe automaticamente un desinatario del bonus da 200 euro.

Altri esclusi

Il bonus da 200 euro previsto dal Decreto Aiuti esclude una parte dei dipendenti della scuola. Parliamo dei docenti e gli Ata che hanno stipulato un contratto annuale fino al 30 giugno 2022. GLi insegnanti non in ruolo che finiscono l'attività e non avranno retribuzione a luglio, non potranno usufuire del benefit.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?