Sabato 13 Luglio 2024
GIORGIA DE CUPERTINIS
Economia

Auto elettriche, problemi e costi: gli italiani non si fidano. Ecco perché

Nel 2022 sono aumentate del 49% le vetture elettriche e ibride in circolazione che rappresentano però ancora il 4,3% del totale

Un’inversione di rotta c’è stata, ma non è ancora abbastanza. La sfida di un futuro green, infatti, fa intravedere una strada ancora molto lunga, con alcuni buoni risultati già raggiunti e altri, parallelamente, su cui bisognerà ‘premere sull’acceleratore’ affinché la mobilità del futuro diventi sempre più sostenibile, elettrica e digitale, così come la sognano le nuove generazioni.

Auto ibride, Bologna valuta la stretta sui pass per la Ztl
Auto ibride, Bologna valuta la stretta sui pass per la Ztl

Lo dimostra l’analisi del Centro Studi di AutoScout24 su base dati ACI, realizzata in occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente: se nel 2022 le auto ibride ed elettriche in circolazione hanno raggiunto quota 1.715.000 vetture (+49,2% sul 2021), il dato risulta “dolce amaro” se paragonato al totale, dove queste ultime rappresentano solo il 4,3%, con le elettriche che si fermano allo 0,4%.

Confronto spesa rifornimento auto elettriche, diesel e benzina
Confronto spesa rifornimento auto elettriche, diesel e benzina

Ma non è finita. Sempre nel 2022 sono circa 20,18 milioni le vetture in circolazione con una classe di emissioni Euro 4 o inferiore (oltre la metà sul totale), di cui quasi 4,41 milioni addirittura Euro 0-1 (11%).

Anche considerando l’età media, quattro auto su dieci, pari a circa 15,84 milioni, hanno 15 anni o più. Uno scenario fra luci e ombre, insomma, dove ad alimentare la diffidenza degli italiani verso il mondo delle full electric, da ciò che emerge, è la scarsa autonomia delle batterie (per il 35% del campione) e il costo elevato (33%): una grande sfida per l’automotive, per cui bisognerà investire in infrastrutture e tecnologia per avvicinarsi con sempre più consapevolezza allo storico traguardo del 2035, con il blocco della produzione di auto nuove termiche alimentate a benzina e diesel a favore dell’elettrico e degli e-fuel.

Approfondisci:

Euro 7, bufera sulla proposta Ue. Cosa prevede e quando può entrare in vigore

Euro 7, bufera sulla proposta Ue. Cosa prevede e quando può entrare in vigore

Ci sono ancora dodici anni a separare gli italiani da questa data, ma l’attenzione deve e dovrà rimanere alta: se il 2035 fosse fra sei mesi - secondo gli ultimi dati AutoScout24 – si realizzerebbe una vera e propria corsa per accaparrarsi modelli benzina e diesel di ultima generazione, nuovi o usati recentissimi, in modo tale che gli automobilisti possano continuare a utilizzare questo tipo di alimentazioni. Anche previsioni di questo tipo, quindi, aiutano a comprendere quanto sia ancora lunga la strada verso un vero e proprio cambiamento, spesso frenato dal fattore economico che, tutt’ora, si rivela un aspetto fondamentale per gli automobilisti: a favorire la sostituzione di un’auto datata però – oltre agli incentivi - un aiuto arriva proprio dal mondo digitale, dove grazie all’ampia disponibilità non solo di auto nuove ma anche usate ibride, elettriche, benzina e diesel di nuova generazione, i consumatori possono e potranno acquistare vetture di qualità a prezzi più contenuti, contribuendo significativamente al processo di “svecchiamento” del parco auto circolante.

Approfondisci:

L’auto più venduta in Europa? E’ la Tesla

L’auto più venduta in Europa? E’ la Tesla

Auto ibride ed elettriche, come prima sottolineato, rappresentano il 4,3% del totale lungo lo Stivale. Ma qual è la situazione regione per regione? Le elettriche “pure” rappresentano la quota minoritaria (0,4%), e solo in Valle d’Aosta e in Trentino-Alto Adige si supera l’1% sul totale di auto in circolazione. Se si considerano invece le ibride ed elettriche insieme, al primo posto troviamo sempre la Valle d’Aosta con il 19,5% delle vetture circolanti nella regione, seguita dal Trentino-Alto Adige (13,3%). Al contrario, agli ultimi posti troviamo tutte regioni del Sud, tra cui la Campania (0,9%), il Molise (1,1%), la Sicilia (1,1%) e la Calabria (1,1%). Le regioni che hanno visto nel 2022 la crescita maggiore di auto ibride ed elettriche rispetto al 2021 sono la Valle d’Aosta e il Trentino-Alto Adige, aumentate rispettivamente del +158,1% e +72,3% Lente di ingrandimento alla mano, il livello quantitativo maggiore di vetture più datate (Euro 0 e 1) si registra in Campania (731.442) e Sicilia (567.676). Anche se si considera il tasso di vetture Euro 0 e 1 sul totale in circolazione nella regione, il valore più alto si registra sempre in Campania, con il 20,2%, seguita dalla Calabria (18,7%) e dalla Sicilia (16,5%). Ancora una volta la situazione è decisamente migliore in Valle d’Aosta (2,7%) e in Trentino-Alto Adige (3,3%).