IL SALUMIFICIO FRATELLI RIVA, azienda con 50 anni di storia e tra i primi gruppi italiani nella produzione di cotti interi ed affettati, mette alle spalle l’anno del Covid 19 con risultati in linea con l’esercizio 2019, confermandosi partner della grande distribuzione per lo sviluppo del private label. I ricavi sono stati pari a 94.653.000 euro, interamente realizzati con la produzione dello stabilimento di Molteno (Lc). La gamma di prodotti spazia dai cotti interi agli affettati, per molti dei più importanti gruppi della distribuzione italiana ed estera. La produzione è per l’85% diretta alla Gdo, il 15% è destinato a...

IL SALUMIFICIO FRATELLI RIVA, azienda con 50 anni di storia e tra i primi gruppi italiani nella produzione di cotti interi ed affettati, mette alle spalle l’anno del Covid 19 con risultati in linea con l’esercizio 2019, confermandosi partner della grande distribuzione per lo sviluppo del private label. I ricavi sono stati pari a 94.653.000 euro, interamente realizzati con la produzione dello stabilimento di Molteno (Lc). La gamma di prodotti spazia dai cotti interi agli affettati, per molti dei più importanti gruppi della distribuzione italiana ed estera. La produzione è per l’85% diretta alla Gdo, il 15% è destinato a grossisti, Horeca e dettaglianti. La società occupa 120 addetti diretti e ha un indotto di ulteriori 100 unità. Il rapporto con la Gdo, fondamentale cliente di sblocco della produzione, si è rafforzato, condividendo le reciproche necessità e cercando di implementare anche in periodi difficili la collaborazione con strategie comuni, atte a contrastare eventuali aumenti nei prezzi delle materie prime (con trattative più snelle rispetto al passato), problemi negli approvvigionamenti o ritardi nelle consegne.

La pandemia ha cambiato le abitudini di consumo anche nel settore dei salumi. "I consumatori hanno privilegiato il prodotto affettato in vaschetta che si contraddistingue per l’alta qualità e anche la Gdo, che resta il cliente principale, ha chiesto di coniugare offerta, rifornimenti puntuali e contenimento dei prezzi", ha dichiarato Giuseppe Riva (a destra, in alto), amministratore delegato del Salumificio Fratelli Riva. Il 2021 si è aperto c[EMPTYTAG]on nuovi timori per la pandemia. "Nel 2020 è esplosa la domanda di prodotti affettati di qualità, venduti in vaschette usa e getta, a ridotto impatto ambientale che sono entrate nella mente dei consumatori per comodità, economicità e sicurezza. La storica proposta del Salumificio Fratelli Riva è di offrire prodotti di alta qualità affettati, per le principali marche della Gdo. L’incremento del prodotto affettato ha compensato gli effetti negativi dovuti alla chiusura del canale Horeca e dell’acquisto al banco salumeria. Non credo, superata definitivamente l’emergenza covid, registreremo una contrazione. Proseguiremo con il piano di allargamento della presenza dei nostri prodotti in alcuni Paesi europei che presentano buone opportunità di crescita. Penso alla Romania, Austria, Slovenia", conclude l’ad.

Salumificio Fratelli Riva, che ha festeggiato nel 2019 i 50 anni dalla sua costituzione, presso lo stabilimento di Molteno (a destra) produce diversi articoli, dai cotti interi agli affettati, per molti dei più importanti gruppi della distribuzione italiana ed estera. La produzione nel 2018 è stata per l’85% diretta alla Gdo mentre il 15% è stato diretto verso grossisti, Horeca e dettaglianti. La società occupa a Molteno 120 addetti diretti e ha un indotto di ulteriori 100 unità. I quantitativi venduti per i principali prodotti ammontano a 14.498 tonnellate annue, così suddivisi (13.000 tonnellate di prosciutto cotto, 715 tonnellate di salame, 257 tonnellate di bresaola, 278 tonnellate di mortadella, 248 tonnellate di prosciutto crudo).