23 feb 2022

"Torna nella giungla" Insulti razzisti in campo Sospesa partita di calcio

Per 90 minuti è stato costretto a sopportare appellativi come "Negro di m… ", "Scimmia, gorilla torna nella foresta". Sono gli insulti a sfondo razziale diretti ad Abdoulaye Fofana (foto), un ragazzo di 21 anni della Guinea che da tre anni gioca in prima categoria nella squadra di calcio dilettantistico "Heraclea" nel foggiano. Non era la prima volta che succedeva, ma domenica scorsa c’è stato l’ennesimo episodio durante la partita di ritorno con l’Altavilla Irpina. "Un giocatore della squadra avversaria mi ha detto ‘negro di m…. torna nel tuo paese – racconta il giovane calciatore. Mi faceva male sentire quelle parole ma io continuavo a giocare senza dir nulla". Fofana ha avuto al suo fianco i compagni di squadra. "Loro cercavano di calmarmi - racconta - Mi incoraggiavano a giocare ancora", ma ad un certo punto, mentre gli insulti proseguivano, il giovane ha reagito alle offese inveendo a sua volta contro l’avversario. In campo allora si è scatenata una piccola rissa e l’arbitro ha deciso di sospendere la partita.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?