Il premier Antonio Costa, 59 anni
Il premier Antonio Costa, 59 anni

Il cattolico Portogallo legalizza l’eutanasia, quarto Paese europeo dopo Belgio, Olanda e Lussemburgo. Approvata una storica legge che autorizza la "morte medicalmente assistita", con una buona maggioranza, ma su un tema divisivo, che ha già provocato la durissima reazione della Chiesa. Il testo prevede che gli adulti "in una situazione di estrema sofferenza, che presentano lesioni irreversibili" o "una malattia incurabile", possano ricorrere al suicidio assistito. Nel rispetto, comunque, di normative rigorose. La richiesta del paziente deve essere validata da più medici, oltre che da uno psichiatra quando sorgono dubbi sulla sua capacità di fare una scelta "libera e informata". Al momento di staccare la spina il medico dovrà assicurarsi per l’ultima volta che il malato voglia porre fine alla sua vita, in presenza di testimoni.