Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
2 feb 2022

Strangolata nella casa del vicino L’assassino voleva stuprarla

Rosa Alfieri, 24 anni, è stata trovata distesa con la maglia strappata e i pantaloni abbassati. Caccia ad un ragazzo di 31 anni che si era trasferito nel palazzo da meno di quindici giorni

2 feb 2022
nino femiani
Cronaca
Rosa Alfieri in una foto tratta dal suo profilo Facebook: la ragazza aveva 24 anni
Rosa Alfieri in una foto tratta dal suo profilo Facebook: la ragazza aveva 24 anni
Rosa Alfieri in una foto tratta dal suo profilo Facebook: la ragazza aveva 24 anni
Rosa Alfieri in una foto tratta dal suo profilo Facebook: la ragazza aveva 24 anni
Rosa Alfieri in una foto tratta dal suo profilo Facebook: la ragazza aveva 24 anni
Rosa Alfieri in una foto tratta dal suo profilo Facebook: la ragazza aveva 24 anni

di Nino Femiani Incomincia a fare buio quando i carabinieri della compagnia di Giugliano arrivano a sirene spente in via Risorgimento a pochi metri dall’Ufficio Postale di Grumo Nevano, Comune di 18 mila anime a nord di Napoli. In un appartamento al primo piano c’è Rosa Alfieri, una bella ragazza di 24 anni non ancora compiuti. È morta, strangolata. Ma la casa in cui viene trovata senza vita non è la sua, è quella di un vicino. Lei, infatti, abitava con i genitori al piano di sopra. Il corpo della ragazza è nella stanza da letto di Elpidio D’Ambra, 31 anni, ragazzo atletico. Di lui non c’è traccia. È scappato, irreperibile. Vengono sentiti i vicini, tutti giurano di non conoscere affatto Elpidio. "È venuto ad abitare qui solo da una quindicina di giorni. Qualche volta l’ho visto uscire con il borsone della palestra e un cappellino bianco calato in testa". Bocche cucite tra gli inquirenti, a lungo trapela solo la conferma della morte violenta della ragazza, attirata con un sotterfugio nella casa di D’Ambra, all’interno di una vecchia palazzina nella centralissima via Risorgimento. Rosa, una ragazza dai capelli e dagli occhi scuri, è descritta come una persona gentile, disponibile e sempre sorridente, fidanzata con il proprietario di una tabaccheria poco distante. Inizia a piovere, la gente si accalca sotto il civico 1 incurante della pioggia fredda. Il paese è sotto choc, in tanti conoscono Rosa che svolgeva il suo lavoro in un negozio di abbigliamento al centro del paese. "Una bravissima ragazza, chi le ha fatto del male è un mostro, un orco schifoso. Rosa non aveva grilli per la testa, lavorava come commessa e poi aiutava il fidanzato in tabaccheria, le piaceva ballare e fare tutte le cose che fanno le ragazze della sua età. È veramente assurda una morte del ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?